Muri contro

29 gennaio 2010 - Tonio Dell'Olio

Nel pacchetto di accordi che il governo del nostro Paese ha stipulato con la Libia, è prevista la costruzione di un muro elettronico lungo i confini sahariani del Paese nordafricano. Munito di sofisticati sensori, il progetto è affidato a Selex sistemi integrati, azienda di Finmeccanica, controllata dal ministero dell’economia e costa 300 milioni di euro. Metà a carico dei contribuenti italiani e metà a carico di quelli europei. A questo si aggiunga il risibile capitolo di bilancio che anche quest'anno è stato dedicato alla cooperazione internazionale e si comprende bene che la volontà politica chiara è quella di restringere in una prigione di miseria gli abitanti dell'Africa. Parlando della sciagura africana dobbiamo sempre tener conto che quella condizione non è il frutto del destino avverso o di una maledizione divina, quanto delle scelte economiche di rapina e sfruttamento decise dai paesi ricchi. Se i Paesi poveri avessero installato per tempo un muro elettronico per impedire ai banditi dell'economia di mercato, agli agenti delle imprese del Nord e ai signori della guerra di entrare in Etiopia, Sudan, Niger, Ruanda, Congo... oggi i ricchi sarebbero loro.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36