Haiti addio?

2 febbraio 2010 - Tonio Dell'Olio

Il vero dramma di Haiti comincia adesso. Ora che le immagini sono scivolate dai giornali quotidiani ai settimanali e le informazioni hanno abbandonato la prima pagina per nascondersi all'interno. Ora che forse aumentano confusione e tensione ma diminuiscono le telecamere e i taccuini presenti sul terreno e, direttamente proporzionale, anche le sottoscrizioni, le offerte generose e gli sms si riducono verso lo zero. AGIRE al 31 gennaio ha chiuso il proprio numero sms. La tragedia è di Haiti e non la nostra! Nessuno osa dirlo ad alta voce ma in molti lo pensano. Viste le proporzioni di quanto è avvenuto, sarebbe utile che i giornali mantenessero una finestra quotidiana su Haiti per dirci ancora di soccorsi e poi di ricostruzione, del mutamento degli scenari politici e sociali che influiranno sulla sorte del Paese e degli atti di sciacallaggio. Come quelli di chi rapisce bambini. Per riferirci con precisione dei fondi raccolti, di quanto è rimasto impigliato nelle spese strutturali e di quanto, ad esempio, viene trattenuto dai gestori di telefonia sugli sms delle donazioni. Una trasparenza che salvaguarda la dignità degli haitiani e aumenta la fiducia dei donatori.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36