I profumi delle periferie

1 marzo 2010 - Tonio Dell'Olio

Le periferie parlano. Nel loro caos, dicono. Protestano contro chi se le è dimenticate e chi le ha progettate – disumane – senza un'agorà, una piazza, una panchina, un albero, un giardino. Le periferie ribollono perché non sanno contenersi nella loro promiscua marginalità. Non sempre riescono a dare un nome al proprio dolore o ne sbagliano la pronuncia. Hanno una pelle strana gli abitanti delle periferie e uno slang che è meglio di un filo spinato. Non le incontri per caso. Devi andarle a trovare. A far visita come alle signore nei salotti damascati. Ma non ti lasciano entrare se non sei conosciuto e, spesso, i tuoi accompagnatori ti mollano sul limitare. A un filo di dogana che tu non riconosceresti. M'è successo così a Vidigal a Rio e a Caracolì a Bogotà, a Korogocho e a Kibera a Nairobi e ad altre latitudini. La periferia ti sorprende in via Padova a Milano perché non è periferia. Dove le pareti delle case ancora parlano foggiano e salernitano ma gli abitanti no. Hanno i cibi di un altro profumo e non è lo stesso per tutti. Perché sono cinesi e peruviani e africani. E sarebbe anche bello se non fossero lasciati soli a parlare tra loro. Non integrazione ma incontro, non comprensione ma dialogo, non tolleranza ma riconoscimento. Non un antidoto ma dignità.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36