A tutto c’è un limite

24 marzo 2010 - Tonio Dell'Olio

A tutto c’è un limite. Si può utilizzare l’ironia anche su temi particolarmente gravi e complessi per renderli più leggeri. Si può esagerare con le promesse preelettorali. Persino può succedere di non riuscire a trovare l’equilibrio del buon senso scadendo nella goffaggine e nel ridicolo, ma purché non si manchi di rispetto agli interlocutori e agli avversari. Sabato scorso invece il limite è stato superato quando, al colmo dell’euforia, il leader del PDL dal palco di San Giovanni ha dichiarato testualmente: “Vogliamo anche vincere il cancro che colpisce ogni anno 250mila italiani e che riguarda quasi due milioni di nostri cittadini”.
Davanti alla sofferenza delle persone che vivono il dramma della malattia che a volte è senza speranza, bisogna avere il coraggio di tacere se non si conoscono o non si sanno pronunciare le parole giuste per incoraggiare e consolare. Scadere nell’irrisione mai. È offensivo. Soprattutto da parte di chi ha deciso di tagliare anche i fondi per la ricerca. Le persone che vivono il cancro nella propria carne attendono le scuse. Almeno quelle!

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36