CAMPAGNE

Questione di debiti

Mobilitiamoci per la cancellazione immediata e totale del debito estero di Haiti!
Cristiano Morsolin

Uno dei provvedimenti da prendere con urgenza per alleviare le immani sofferenze del popolo haitiano consiste nella cancellazione di una buona parte dei 641 milioni di dollari del debito estero del Paese. La proposta è stata formulata dalla rete internazionale Jubilee. Proprio grazie agli sforzi di Jubilee, già nel giugno del 2009 sono stati rimessi i debiti contratti da Haiti fino al 2004 – per un totale di un miliardo e 200 milioni di dollari. La metà della somma dovuta al momento deve essere ripagata al Fondo Monetario Internazionale e alla Banca Interamericana di Sviluppo. L’esecutivo di Port au Prince aveva in programma di restituire 10 milioni di dollari entro la fine del 2010, ma con la situazione attuale è chiaramente impossibilitata a farlo, visto che i fondi servono per l’emergenza e la ricostruzione. Per Jubilee l’amministrazione Obama deve usare il suo considerevole potere politico all’interno delle due istituzioni multilaterali succitate per chiedere la cancellazione, domandando in subordine una moratoria immediata. 

Buone premesse

La proposta è stata formulata dalla rete internazionale Jubilee, che ha attivato una mobilitazione mondiale che comincia a produrre buoni risultati. La Banca Mondiale e altre istituzioni finanziarie internazionali e G7 hanno aderito alla richiesta della società civile. È stato accolto con “particolare soddisfazione”, l’annuncio del G7 di voler cancellare l’attuale debito unilaterale di Haiti pari a 1.2 miliardi di dollari. Lo afferma una nota della Caritas italiana, che attraverso la rete Caritas ad Haiti, ha già distribuito alimenti a oltre duecentomila persone a Port-au-Prince, Tabarre e nel campo di Petionville. “Si procede a passi graduali, ma costanti”, informa l’organismo della Cei.

Gianni Pittella, vicepresidente del Parlamento Europeo, ha scritto “in una lettera indirizzata a Jose Manuel Barroso per chiedere che si attivi un processo coordinato dei governi europei volto alla cancellazione del debito di Haiti. Oltre il primo aiuto umanitario di 30 milioni di euro promesso dalla Commissione europea ed ai circa 92 milioni di euro che arriveranno dagli Stati membri, quello della cancellazione del debito rappresenterebbe un passo fondamentale per dimostrare la volontà dell’Europa di aiutare concretamente l’inizio della ricostruzione, un fase che sarà lunga e complicata”.

Durante il Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre nel gennaio 2005 ho incontrato Camille Chalmers, rappresentante GIUBILEO Sud in Haiti e segretario di PAPDA. Ho apprezzato il suo carisma, il suo impegno contro la dittatura Duvaliers che l’ha torturato ferocemente, responsabile di quel debito “odioso” e “illegittimo” che il popolo haitiano non deve continuare a pagare; la sua cancellazione deve rappresentare una “risorsa etica” destinata alla ricostruzione”. 

Eric Toussaint- CADTM analizza il debito odioso di Haiti evidenziando che “È indispensabile tornare alla lotta di emancipazione condotta dal popolo haitiano, perché come rappresaglia nei confronti di quella duplice rivoluzione, antischiavista e anticolonialista a un tempo, il Paese ha ereditato il ‘prezzo del riscatto dell’Indipendenza’ imposto dalla Francia, pari a 150 milioni di franchi (l’equivalente del bilancio annuale francese all’epoca)”. 

Il regno dei Duvalier si apre con l’aiuto degli Stati Uniti nel 1957: durerà fino al 1986, quando il figlio “Baby Doc” viene destituito da una rivolta popolare. La violenta dittatura, largamente sorretta dai Paesi occidentali, ha imperversato per quasi trent’anni, contrassegnata da una crescita esponenziale del suo debito. Tra il 1957 e il 1986, il debito estero si è moltiplicato per 17,5. Al momento della fuga di Duvalier, ammontava a 750 milioni di dollari. Poi è salito, grazie agli interessi e alle penalità, a oltre 1.884 milioni di dollari.

Un vero e proprio riscatto!

Il prezzo del riscatto, dunque, è l’elemento fondante dello Stato haitiano ed è sfociato nell’accumularsi di un debito odioso. In termini giuridici, vuol dire che esso è stato contratto da un regime dispotico e usato contro gli interessi delle popolazioni. La Francia , poi gli Stati Uniti – la cui area di influenza si estende ad Haiti, occupato dai marines nordamericani nel 1915 – ne sono pienamente responsabili.

In una recente intervista, Camille Chalmers ha affermato che “l’economia del Paese ha subìto negli ultimi anni un costante deterioramento, ben rappresentato dalla svalutazione del gourde, la moneta nazionale, nei confronti di quella statunitense: nel 1994 ne servivano 7 per acquistare un dollaro, oggi 35. La disoccupazione supera il 70 per cento della popolazione economicamente attiva e l’apertura commerciale e finanziaria ha reso fiorente il settore bancario, ma ha portato al collasso interi settori produttivi. Il Paese è divenuto ancor più dipendente dall’estero, tanto che oggi importa l’80 per cento del proprio fabbisogno di riso, mentre nel 1972 era autosufficiente, e sono stati persi altri 800 mila posti di lavoro. Questa crisi è legata alla transizione politica iniziata nel 1986 con la cacciata del dittatore Jean-Claude Duvalier e mai giunta a compimento a causa del conflitto tra le spinte democratiche del movimento popolare e la volontà degli Stati Uniti e dell’oligarchia locale di mantenere il controllo sul Paese. A questo scopo, Washington cerca di presentare quello haitiano come uno Stato ‘in bancarotta’, al fine di giustificare un proprio intervento per la difesa della democrazia e la ricostruzione del Paese, naturalmente garantendo contratti miliardari alle imprese transnazionali. In questo senso la Missione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione di Haiti (Minustah) è di fatto una nuova formula di occupazione militare, che si inserisce in una lunga storia di scontro tra la volontà indipendentista del popolo haitiano, che con la rivoluzione nera del 1804 mostrò la possibilità di una rottura radicale col sistema mondiale di dominazione, e quella delle grandi potenze di tenere il Paese sotto tutela”. 

L’Osservatorio Selvas collabora con la rete Giubileo Sud dal 2003, in particolare attraverso il segretariato mondiale di Buenos Aires, coordinato da Beverly Keene. 

Giubileo Americhe ha appena lanciato un appello sottolineando che “negli ultimi anni abbiamo denunciato insieme a molte organizzazioni sociali di Haiti, l’occupazione militare da parte delle truppe ONU e l’impatto della dominazione imposta attraverso il debito estero, il libero commercio, il saccheggio della natura e l’invasione degli interessi trans-nazionali. La condizione di vulnerabilità del Paese in relazione alle tragedie naturali – provocate per la devastazione dell’ambiente, per l’inesistenza di infrastruttura basica, per l’indebolimento della capacità di azione dello Stato, non è scollegata da queste azioni, che storicamente calpestano la sovranità del popolo”.

Il caso di Haiti non è un’isola a sé stante. La Commissione sul debito estero e il governo dell’Ecuador denunciano il meccanismo “corrotto e illegale” che soffoca il Paese andino e nel 2009 hanno lanciato un’iniziativa internazionale senza precedenti per non pagare il debito illegittimo.

Con l’obiettivo di studiare le conseguenze dell’indebitamento nell’infanzia lavoratrice dell’Ecuador in termini di tagli all’educazione, alla salute, agli investimenti sociali, ecc. il 24 marzo a Quito presenterò all’Università Salesiana un nuovo libro di 300 pagine, En Deuda con los derechos, (In debito con i diritti), tema di un prossimo articolo per Mosaico di pace per riaffermare il diritto di non pagare il debito, come principio di auto-determinazione dei popoli.

 

Ultimo numero

Un mondo a colori
FEBBRAIO 2020

Un mondo a colori

Noi dobbiamo avviare processi, più che occupare spazi.
Dio si manifesta nel tempo ed è presente nei processi della storia.
Questo fa privilegiare le azioni che generano dinamiche nuove.
E richiede pazienza, attesa.
Papa Francesco, 21 dicembre 2019
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.32