Scajola perché?

6 maggio 2010 - Tonio Dell'Olio

È possibile che io mi sia distratto e che non abbia letto bene i resoconti giudiziari (verbali degli interrogatori) o i commenti giornalistici ma, fino a questa mattina, non avevo ancora letto la domanda che ritengo centrale del caso Scajola. La domanda fatidica è: Per quale motivo imprenditori senza scrupoli avrebbero ritenuto di versare somme considerevoli sul conto del ministro? Ovvero, per dirla meglio: Cosa ne hanno ricevuto in cambio? Trattandosi di cifre considerevoli, sono “maliziosamente” portato a pensare che si trattasse di una sorta di investimento destinato a produrre profitti molto alti. È possibile riuscire ad appurare anche questo?
A porre finalmente la domanda ci hanno pensato Travaglio sul Fatto Quotidiano ed Ezio Mauro. “Per quale motivo – si chiede il direttore di Repubblica - un costruttore sborsa 900mila euro per comprar casa a un ministro? In cambio di quale favore evidentemente inconfessabile, se ha un prezzo così alto?”.
L’altro aspetto che non mi sembra evidenziato a sufficienza è che gli investimenti di Anenome e c. non sono un costo personale ma, ancora una volta, si abbattono sui contribuenti. Quelli della corruzione sono costi collettivi e non personali. Le tangenti le decidono imprenditori e politici, ma le paghiamo noi.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36