Verità per Ilaria Alpi

10 maggio 2010 - Tonio Dell'Olio

Non si deve permettere che la polvere della criminalità organizzata venga nascosta sotto il tappeto della dimenticanza colpevole. La ricerca della verità è un debito che abbiamo contratto con le vittime e con le future generazioni. Sono passati sedici anni da quando Ilaria Alpi e Miran Hrovatin furono barbaramente trucidati in Somalia.
“Si sa che si è trattato di un’esecuzione, di un omicidio su commissione, posto in essere per impedire che le notizie raccolte in ordine ai traffici di armi e di rifiuti tossici venissero portate a conoscenza dell’opinione pubblica”, come ha scritto, lo scorso 17 marzo, il Gip Emanuele Cersosimo del Tribunale di Roma nel respingere la richiesta di archiviazione.
Oggi il Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi lancia un appello per riaprire il caso, raccontare finalmente la verità e perseguire i colpevoli. Per firmare l’appello: www.ilariaalpi.it. In pochi giorni sono state raccolte più di duemila firme che rappresentano una sensibilità diffusa tra la gente di conoscere le verità che puntualmente vedono la commistione di apparati delle istituzioni insieme a esponenti senza scrupoli di cosche mafiose internazionali. I genitori della Alpi hanno annunziato che, qualora come auspicabile, si riaprisse il processo, si costituirebbero parte civile. Lo dobbiamo anche a loro.

Ultimo numero

Un mondo a colori
FEBBRAIO 2020

Un mondo a colori

Noi dobbiamo avviare processi, più che occupare spazi.
Dio si manifesta nel tempo ed è presente nei processi della storia.
Questo fa privilegiare le azioni che generano dinamiche nuove.
E richiede pazienza, attesa.
Papa Francesco, 21 dicembre 2019
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.32