POTERE DEI SEGNI

Nel nome di Maria

La ferialità della fede di don Tonino passa dalla dolcezza e dalla meraviglia della donna, della madre, dello sguardo femminile.
Don Salvatore Leopizzi

Tu, simbolo delle donne irriducibili alla logica della violenza, guida i passi delle “madri coraggio” perché scuotano l’omertà di tanti complici silenzi…

La pace auspicata da don Tonino si presenta anche col volto delle donne e col nome di Maria di Nazareth. Se è vero che Gesù è la nostra pace (Ef 2,14), il nuovo Adam, è anche vero che Egli è nato da donna, la nuova Eva, madre di una moltitudine. Non fa perciò meraviglia che, nell’universo simbolico del vescovo-profeta, il legame indissolubile tra il Figlio e la Madre divenga anche un rapporto qualitativamente irrinunciabile tra il sogno di un’umanità fraterna e conviviale e le condizioni necessarie per la sua realizzazione.

Possiamo cogliere specialmente nei suoi testi mariani un continuo rimando allo stretto legame teologico tra Gesù, Maria/donna e pace. Maria è colei che percepisce al volo il dissolversi del piccolo mondo antico e anticipando l’ora di Gesù, introduce nel banchetto della storia non solo i boccali della festa, ma anche i primi fermenti della novità. Maria, donna conviviale, può ridestare nei popoli della terra, la nostalgia dell’unica mensa, così che, distrutte le ingordigie e spenti i rumori di guerra, mangino insieme pani di giustizia.

Accogliente e premurosa, figlia obbediente e insieme protagonista audace di cambi epocali, abbatti le nostre frontiere.

Nostra compagna di viaggio, può ancora ispirare la protesta delle madri lacerate negli affetti dai sistemi di forza o dalle ideologie di potere.

Le figure femminili che abitano la memoria e i sogni di don Tonino spesso si sovrappongono scambiandosi dinamicamente ruoli e contorni, senza però confondersi né contrapporsi: i lineamenti dolci e familiari della mamma – la cui fede nuziale divenne il suo anello episcopale – aderiscono alle prerogative teologali della Sposa vestita di sole, primizia della nuova Gerusalemme e si innestano nella ferialità multiforme e ferita delle donne del nostro tempo.

Don Tonino traduce così in poesia orante non solo i contenuti della fede, ma anche lo stile della sua prassi ordinaria e le prospettive delle sue scelte di parte.

La sua casa a Molfetta diviene grembo materno, accoglie famiglie di sfrattati, ragazze-madri, immigrati, barboni, avanzi di galera e genera provocazioni di giustizia e fermenti di speranza. 

E nella stessa logica della convivialità nonviolenta egli difende la madre-terra  da ogni abuso, da ogni distorsione ambientale e sociale. Anima la protesta contro la militarizzazione del territorio pugliese e la decisione di installarvi gli F16: la Puglia è chiamata dalla storia e dalle geografia a protendersi nel suo mare come arca di pace e non a curvarsi minacciosamente come arco di guerra.

Dalla contemplazione del volto senza ruga e senza macchia di Maria alla contemplazione dei volti bellissimi di donne del Sidamo (Etiopia), uno stesso fascio di luce orienta i suoi passi sulle vie della bellezza. Sono vie ardue che portano a scelte inedite e coraggiose: quando suona la diana di guerra, convoca tutte le figlie di Eva perché si mettano sulla porta di casa e impediscano ai loro uomini di uscire armati, come Caino, ad ammazzare il fratello.

 

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20