Gli studenti di Soweto

17 giugno 2010 - Tonio Dell'Olio

Il 16 giugno 1976 a Soweto, in Sudafrica, centinaia di studenti sono stati massacrati dalla polizia mentre marciavano contro la scarsa qualità della loro formazione e per difendere il loro diritto all’istruzione. Non dimenticare significa avere a cuore i giovani con i propri diritti. E non si tratta del futuro d’Africa ma del presente del mondo. Se non riusciamo a garantire educazione e istruzione per tutti, dobbiamo dichiarare fallimento. Di cosa deve occuparsi la politica se non di un investimento come questo? Prezioso e intelligente perché costruisce fornendo gli strumenti dell’autosviluppo dell’Africa e non dell’assistenza e della dipendenza. IDAY (www.idayitalia.it) è una rete di organizzazioni della società civile africana impegnate in progetti educativi in Africa. Hanno deciso di mettersi in rete per dialogare meglio con le istituzioni europee e africane sui temi dell’educazione. Ieri in tutto il mondo è stata celebrata la “giornata internazionale dell’infanzia e della gioventù africana” perché il massacro degli studenti di Soweto fosse ricordato durante la sbornia dei mondiali africani e per ricordare ai governi che non si vive di solo calcio. L’Africa ha bisogno di una diversa attenzione.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36