La solitudine dei numeri verdi

10 settembre 2010 - Tonio Dell’Olio

Davvero molto interessante l’inchiesta che appare su Repubblica di oggi a firma di Vladimiro Polchi, sull’oscuro mondo delle trans. Una realtà drammatica e ignorata dai più. Vite attraversate da pregiudizi e violenze, da inganni e sconfitte. Vite troppo spesso sottratte alla vita. Nel nostro immaginario trans è uguale a prostituta ma evidentemente non è così. Non si tratta di un’inclinazione naturale di chi vive la condizione trans. Coloro che stanno sulla strada, il più delle volte sono prostituìte e non prostitute. Per questa ragione era stato creato un numero verde cui le persone vittime di tratta potessero rivolgersi per denunciare criminali e sfruttatori ed entrare in un percorso protetto. Dal 1 agosto scorso il Governo ha chiuso le 14 postazioni locali del numero verde in tutto il Paese lasciando un'unica sede a Venezia. Rivolgendosi all’800-290-290 nei dieci anni in cui il servizio ha funzionato, è stata garantita assistenza e integrazione a 14.000 persone. La criminalità non si sconfigge soltanto acciuffando i delinquenti e sbattendoli in galera, ma anche con politiche sociali efficaci, con la protezione delle vittime, con la prevenzione. E questo è un tempo in cui si taglia la spesa sociale e si progetta l’ampliamento e la costruzione di nuove carceri. Abbiamo imboccato la strada della rassegnazione e non quella della speranza. Impegniamoci a costruire una virtuosa inversione di tendenza.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36