La notte dell'Ecuador

1 ottobre 2010 - Tonio Dell'Olio

Pare che tutto sia finito bene! Nella notte appena trascorsa siamo stati costantentemente in contatto con i nostri amici dell'Ecuador. Nel caos che si era creato attorno alla rivolta della polizia e a fronte delle notizie che ci venivano fornite, temevamo per la loro sorte. Nella costruzione della rete latinoamericana di organizzazioni contro la criminalità, in Ecuador abbiamo incontrato tanti segni di speranza e vogliamo testimoniarlo. Pur tra mille fatiche e contraddizioni, quel Paese, famoso in tutto il mondo per la facilità e la frequenza con cui si cambiavano coalizioni e governi, ha avviato da qualche anno un programma di riforme che fanno sperare in un radicamento della democrazia. Non è una minaccia e nemmeno un avvertimento: chiunque pensi che un colpo di stato possa ripristinare antichi privilegi e tornare a garantire corrotti e corruttori in Ecuador, deve fare i conti con la ragnatela fitta della solidarietà internazionale che nel frattempo tante organizzazioni della società civile e responsabile hanno tessuto con altrettante organizzazioni ecuadoriane. Di fronte ai rischi per la democrazia, le organizzazioni sociali dell'Ecuador non saranno né sole, né isolate.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36