Il campo di Isik

22 novembre 2010 - Tonio Dell'Olio

L’avevano chiamata “tendopoli della dignità”. Poche settimane fa circa 20mila saharawi, civili, donne, anziani e bambini, si erano accampati a Isik per protestare contro le difficili condizioni di vita nei territori occupati. Una ventina di kilometri da Laayoune, considerata la capitale del Sahara Occidentale. La situazione del popolo Saharawi (www.saharawi.org) è di invivibilità e oggi sono quasi costretti a mettere da parte la lotta per l’autodeterminazione per chiedere piuttosto di vedersi riconosciuti gli stessi diritti della popolazione marocchina. La risposta, qualche giorno fa, è stata una dura repressione che ha causato almeno 13 morti e più di 60 feriti. Nel frattempo ci sono stati ordini del giorno presentati in vari comuni d’Italia, una dura presa di posizione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, una timida protesta del ministero degli esteri italiano e vari sit-in davanti ad ambasciate e consolati del Marocco in Italia, in Spagna e altrove. Nulla è cambiato per il “popolo del deserto”. Scriviamo lettere di protesta all’ambasciata marocchina in Italia. Facciamo fiorire il deserto.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36