Sudan, due milioni di morti per un referendum

11 gennaio 2011 - Tonio Dell'Olio

Il referendum nel sud del Sudan è qualcosa di più di una semplice prova di democrazia in Africa. È una scommessa importante per l’intero continente. Un vero peccato che l’Europa non stia seguendo lo storico avvenimento di questi giorni con la stessa attenzione degli USA e della Cina. A chiunque guardi i confini degli stati africani (e quelli del Sudan in particolare) non sfugge nemmeno ad occhio nudo che essi sono stati tracciati a tavolino con linee rette quasi mai rispettose del rapporto tra etnie e territorio. Finalmente oggi la popolazione si esprime sulla divisione operata dai colonizzatori. E mentre da più parti si alza il grido preoccupato di chi teme l’effetto moltiplicatore in Nigeria, in Congo... continuo a ritenere che i popoli debbano poter decidere del proprio destino. La Campagna italiana per la pace in Sudan promossa da Pax Christi sin dal 1994 insieme ad altri organismi, ha provato a informare, denunciare, accompagnare. La guerra tra il nord e il sud è durata vent’anni e due milioni di morti. Il referendum non è il punto finale ma una tappa significativa. Guai ad abbandonare i due Sudan al proprio destino. La comunità internazionale, istituzioni e società civile, d’ora in poi deve farsi ancora più attenta. Il Sudan può diventare un focolaio o una risorsa.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36