Messico ostaggio della criminalità

4 febbraio 2011 - Tonio Dell'Olio

Ci sono città in Messico, dove a governare sono le bande criminali, i cartelli della droga. Gli abitanti sono letteralmente ostaggio dei narcos che impongono il coprifuoco, danno ordini alla polizia e al sindaco, impediscono alla gente di uscire di casa. Gente inerme viene quotidianamente coinvolta negli scontri a fuoco tra clan rivali o nei conflitti con i militari. Avviene così a Ciudad Juarez, a Zacatecas, a Tijuana, a Guadalupe... È drammatico. Una bancarotta delle istituzioni e della democrazia. Il governo non ce la fa. Sono ragioni sufficienti per chiedere uno sforzo della comunità internazionale, una solidarietà straordinaria, un intervento più deciso. Sembra quasi che i parametri di allerta delle Nazioni Unite e del Consiglio di Sicurezza riguardino schemi di conflitto antichi. Ma in Messico il livello di allarme ha da lungo tempo superato quello di Afghanistan e Iraq, giusto per fare due nomi a noi più familiari. Più di 30.000 persone uccise dal 2006 ad oggi. La gente che è obbligata dalla paura e dalla legge imposta dai narcos a restare in casa, si sfoga su facebook lanciando veri e propri SOS. Ma forse coloro che devono raccogliere l’allarme non hanno dimestichezza con questi mezzi o sono distratti. D’altra parte se solo guardiamo alla politica nostrana abbiamo l’impressione che questioni di questo genere siano lontane anni luce.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36