Il gioco d’azzardo del governo

9 febbraio 2011 - Tonio Dell'Olio

Da un programma radiofonico vengo a sapere che nell’anno 2011 è previsto il lancio di altri due nuovi giochi a pagamento ed eventuale vincita in denaro, gestiti dallo Stato. Secondo le previsioni i nuovi giochi frutterebbero circa 10 miliardi di euro. Intervistano il ministro Giovanardi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle politiche per la famiglia, al contrasto delle tossicodipendenze e al servizio civile, che conferma la scelta del governo di percorrere la strada dei giochi per fare cassa. Conferma che ci sono famiglie sul lastrico a causa del gioco d’azzardo. Conferma che grattaevinci, videopoker e altro sono da considerarsi delle potenziali fonti di dipendenze. Conferma che il costo sociale per curare le persone colpite dalla malattia del gioco supera persino i guadagni prodotti dalla gestione dei giochi stessi da parte dello Stato. Conferma l’incoerenza delle politiche del governo che, da una parte vuole salvaguardare il bene della famiglia e difendere i cittadini da tutte le forme di dipendenza, e dall’altra gestisce un’attività chiaramente nociva per l’una e per gli altri. Giovanardi onestamente conclude assicurando che porrà la questione in sede di Consiglio dei ministri. Scommettiamo che vince Tremonti?

Ultimo numero

Mediterraneo arca di pace?
GENNAIO 2020

Mediterraneo arca di pace?

Un numero speciale, monografico,
in occasione dell'incontro su
"Mediterraneo, frontiera di pace",
organizzato dalla Cei a Bari in febbraio 2020,
e nello sfondo del messaggio di papa Francesco
per la Giornata mondiale della Pace,
"La pace come cammino di speranza:
dialogo, riconciliazione e conversione ecologica".
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.31