Un cerino contro il vento

16 febbraio 2011 - Tonio Dell'Olio

Con la leggerezza delle parole scalze, in questi pizzini quotidiani avevamo raccontato di Mohamed Bouazizi, un giovane tunisino di 26 anni che si era tolto la vita dandosi fuoco per protestare contro il regime di Ben Alì. E sembrava un cerino contro il vento... A che serve un corpo dato alle fiamme se non a piangere un martire inutile? Eppure domani Mohamed Bouazizi avrà una piazza intitolata a suo nome come oggi si merita già una menzione in Wikipedia. Molti dei protagonisti delle proteste di piazza, intervistati in questi giorni, raccontano che la rivoluzione dei gelsomini ha preso fuoco da quel minuscolo cerino acceso in una cittadina secondaria della Tunisia. Un fuoco che si è propagato persino al di fuori dei confini del suo Paese. Per questo vogliamo ricordarlo ancora, quel giovane laureato in informatica che spingeva un carretto di frutta e verdura a Sidi Bouzid. Un tragico sberleffo al potere di guardie e militari, politici corrotti e alleanze internazionali. Come lo studente cinese davanti al carro armato di Piazza Tienamen.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36