PRIMO PIANO LIBRI

A scuola di nonviolenza

Un libro per accompagnarci nel superamento dei conflitti.
Per scoprire la bellezza e l’utilità della mediazione.
Anche tra i banchi scolastici.
Antonio Lombardi (Cenacon - Centro per la Nonviolenza nei Conflitti)

La scuola, si sa, è luogo di conflitti: tra studenti anzitutto, ma nondimeno tra insegnanti e tra questi e i genitori degli alunni. Esiste un’alternativa al senso di sconfitta o alla repressione pura e semplice dei comportamenti aggressivi agiti nel corso di essi?
Gli autori di questo libro, Anja Corinne Baukloh e Alfredo Panerai, esperti di formazione alla nonviolenza e mediazione dei conflitti, hanno una stimolante proposta da offrire, nata esattamente dalla loro esperienza nelle scuole: “lavorare sulla capacitazione dei diversi attori del sistema-scuola perché acquisiscano competenze e si riapproprino del potere di immaginare una scuola diversa”.
Una scuola che si apre alla nonviolenza e lo fa non nel senso di affacciarsi allo studio di una nuova teoria, ma facendo entrare la nonviolenza nella vita scolastica e nelle relazioni difficili per scoprire, giorno dopo giorno, che un’altra gestione dei conflitti è possibile: anzi è necessaria.
La scuola italiana rischia di scivolare verso una deriva militarizzata; lo diciamo, documenti alla mano, considerando alcuni protocolli d’intesa a livello nazionale o locale che sono stati sottoscritti in tempi recenti e che segnano l’apertura delle porte della scuola alle Forze Armate e all’industria bellica. Una stagione della nonviolenza appare indifferibile se, tra qualche anno scolastico, non vogliamo trovare dietro alla cattedra un ufficiale dell’esercito invitato a insegnare agli alunni come si gestiscono i conflitti.
Certo, lo diciamo in maniera paradossale (chissà!), ma occorre quanto prima che tutti coloro i quali, a qualsiasi titolo, lavorano nella scuola, spingano in direzione ostinata e contraria affinché alle varie componenti scolastiche vengano offerte occasioni di formarsi alla pratica della nonviolenza.
Così, durante la lettura di questo libro, si è accompagnati passo dopo passo a scoprire la bellezza e l’utilità della formazione alla nonviolenza e alla mediazione dei conflitti nella scuola. E il libro diventa un vero e proprio manuale, per rimboccarsi subito le maniche e mettersi al lavoro. Del manuale ha, infatti, la concretezza tecnica, presentando in maniera chiara e pratica concetti, percorsi e strumenti, ma il tutto unito alla scorrevolezza della scrittura e alla piacevolezza della narrazione. E una storia, inventata ma possibile, commentata qui e là da due simpatici personaggi, un angioletto e un diavoletto, aiuta molto a capire concretamente l’incidenza che la formazione alla nonviolenza e la pratica della mediazione potrebbero avere sulla vita scolastica di ogni giorno.
È bene sottolineare che questo libro non si perde in un’assurda visione romantica dei conflitti, non tralascia né sottovaluta la sofferenza che essi comportano, le battute d’arresto e gli ostacoli che si oppongono a una loro trasformazione costruttiva, compresa la fatica di fare breccia nella sfiducia e nella banalità della rassegnazione.

Ultimo numero

Mediterraneo arca di pace?
GENNAIO 2020

Mediterraneo arca di pace?

Un numero speciale, monografico,
in occasione dell'incontro su
"Mediterraneo, frontiera di pace",
organizzato dalla Cei a Bari in febbraio 2020,
e nello sfondo del messaggio di papa Francesco
per la Giornata mondiale della Pace,
"La pace come cammino di speranza:
dialogo, riconciliazione e conversione ecologica".
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.31