I diritti di Madre Terra

13 aprile 2011 - Tonio Dell'Olio

Una vera e propria rivoluzione. Il governo boliviano ha posto mano a una legge per la tutela dell’ambiente destinata a far discutere sul piano giuridico e sul piano economico. Per la prima volta i diritti di madre natura vengono equiparati a quelli dell’uomo. Il provvedimento stabilisce gli 11 nuovi diritti dell'ambiente: il diritto alla vita e all'esistenza, il diritto di svilupparsi e a seguire i propri cicli vitali senza condizionamenti o alterazioni da parte degli umani, il diritto all'acqua pura e all'aria pulita, il diritto a non essere inquinato né alterato geneticamente. Il provvedimento fa seguito alla Costituzione del 2009 che riconosceva a pieno titolo tutte le etnie presenti in Bolivia e sanciva la diversità come una caratteristica peculiare del Paese. Il rispetto della Madre Terra è posto come un fondamento assoluto della tradizione e della cultura Maya di cui è tessuta la storia e la vita della Bolivia. I minatori e soprattutto le multinazionali sono in subbuglio, molti si chiedono di cosa vivrà un Paese già povero come la Bolivia se si limeranno le attività estrattive. I campesinos (contadini) hanno espresso da tempo la propria adesione incondizionata.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36