Ci sono bombardamenti e bombardamenti

28 aprile 2011 - Tonio Dell'Olio

Aveva scelto il giorno di Pasqua, il Papa, per pronunciare solennemente la sua opinione sul conflitto in corso: “In Libia la diplomazia ed il dialogo prendano il posto delle armi – aveva detto - e si favorisca, nell’attuale situazione conflittuale, l’accesso dei soccorsi umanitari a quanti soffrono le conseguenze dello scontro”. Ma non aveva ancora terminato di parlare che le cancellerie franco-italiane, già concordavano la dichiarazione che il premier italiano avrebbe pronunciato al termine del vertice tra i due rispettivi capi di Stato. Siano le armi a prendere il posto della diplomazia e del dialogo! Via ai bombardamenti. Ops, scusate. Ci dicono che è improprio chiamarli bombardamenti perché gli attacchi dell’aviazione italiana saranno diretti esclusivamente su obiettivi mirati e non coinvolgeranno la popolazione civile. Aveva dimenticato, il premier, che questo era stato già stato stabilito dalla Convenzione di Ginevra. E soprattutto, se questo è un distinguo, significa che le altre parti che partecipano ai bombardamenti colpiscono indiscriminatamente?

Ultimo numero

Un mondo a colori
FEBBRAIO 2020

Un mondo a colori

Noi dobbiamo avviare processi, più che occupare spazi.
Dio si manifesta nel tempo ed è presente nei processi della storia.
Questo fa privilegiare le azioni che generano dinamiche nuove.
E richiede pazienza, attesa.
Papa Francesco, 21 dicembre 2019
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.32