Wilders un pessimo direttore d’orchestra

24 giugno 2011 - Tonio Dell'Olio

E alla fine è stato assolto. Offendere il Corano – secondo il tribunale olandese - non istiga all’odio. La cosa di per sé non sarebbe preoccupante se dall’altra parte, ovvero tra i musulmani, non ci fossero gruppi altrettanto sprezzanti e fondamentalisti sul cui fuoco cade come benzina la sentenza di assoluzione per Geert Wilders, il giovane, popolare leader anti-islamico del Partito della libertà (Pvv) olandese. Non possiamo rassegnarci a un “dialogo” a distanza tra le religioni, che sia diretto come una macabra orchestra composta dai musicisti più fanatici. Non corriamo soltanto il rischio di ascoltare la solita musica stonata dei luoghi comuni e delle semplificazioni. È vero che c’è bisogno di accordare gli strumenti per eseguire gli spartiti migliori del Corano, della Torah, del Vangelo... ma occorre anche imparare ad ascoltare e applaudire la buona musica degli altri, piuttosto che recriminare per i concerti improvvisati da elementi distratti o inaffidabili. A volte succede che un violinista segua lo spartito “alla nota” mentre sappiamo che la bravura di un musicista sta nell’interpretazione del brano. Forse Wilders non ama la buona musica.

Ultimo numero

Affare fatto
DICEMBRE 2019

Affare fatto

90 cacciabombardieri F35
14 miliardi di euro.
Una follia.
Il programma aeronautico
più costoso di tutti i tempi.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29