VOCI DI DONNE

Libere, dentro e fuori

Echi dalla Palestina: da donna a donna. La testimonianza di Mariam Abu Daqqa.
Patrizia Morgante

Voci al femminile, voci di donne. Per raccontarsi, per raccontare cosa accade nei luoghi di guerra, di occupazione, di violenze e violazioni dei diritti umani. Il nostro viaggio prosegue e, questo mese, la testimonianza è di Mariam Abu Daqqa, dai territori occupati palestinesi della Striscia di Gaza.
Sono presidente dell’associazione Palestinian Development Women Studies Associations (PDWSA), e sono parte del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina (PFLP). Ora vivo a Gaza, ma dopo gli accordi di Oslo ho dovuto vivere in esilio. Il mio lavoro è aiutare le persone in forme diverse, in particolare le donne di Gaza.
Un servizio importante che svolgiamo è il sostegno alle donne che escono dalle prigioni israeliane dopo uno, due, dieci anni e non hanno più nulla. Sono dentro solo perché sono palestinesi e perché impegnate nella lotta di liberazione. Anche io sono stata in un carcere israeliano. Quando mi hanno liberata, non mi hanno permesso di tornare a casa e mi hanno espulso in Giordania. Ho vissuto in Giordania, Libano, Siria, Iraq. Ho conseguito il mio dottorato in filosofia in Bulgaria e poi sono tornata a Gaza, perdendo, nel frattempo, quasi tutti i contatti con la mia famiglia.
Questa è la vita della maggior parte dei palestinesi.
Mia madre è egiziana, mio padre palestinese, mia nonna turca. Siamo una famiglia internazionale. Quando ero giovane, mio padre mi raccontava la storia della nostra famiglia, dell’occupazione del 1948. Sono cresciuta in questo clima e sognavo di poter visitare i luoghi storici palestinesi, dove ancora alcuni palestinesi vivono. La maggior parte degli abitanti di Gaza sono rifugiati dalle terre occupate nel 1948 e la situazione da allora è peggiorata. La Striscia di Gaza è piccola per contenere tutte le persone che oggi ci vivono.
Quando ho deciso di iniziare a lottare per i nostri diritti sono stata arrestata.
Avete visto le immagini dell’ultima guerra a Gaza e dei danni arrecati, per non parlare di quelli che derivano dall’assedio israeliano che continua: ospedali, case, moschee distrutte. Israele non rispetta nessuna legge o regolamento, perché ha un supporto forte dagli Stati Uniti e dall’Europa. Gli USA sostengono Israele per salvaguardare i loro interessi in Medio Oriente. Tutti noi siamo in grado di riconoscere i nostri nemici: imperialismo, sionismo e qualsiasi regime che supporta Israele.
La Palestina è la nostra terra ed è nostro diritto avere una casa. Abbiamo 5 milioni di palestinesi rifugiati in altri paesi che vivono in condizioni pessime; le famiglie vivono separate tra dentro e fuori la Palestina, molti bambini non sanno più chi è la loro famiglia. La disoccupazione a Gaza è di circa 80%, hanno distrutto tutte le industrie e, a causa dell’assedio, non possono entrare né persone né aiuti. Secondo la propaganda israeliana, gli aiuti rafforzerebbero il terrorismo. Io, invece, penso che Israele è terrorista per l’occupazione.
I palestinesi sono nati in Palestina e hanno diritto alla propria terra e a difendere i propri diritti con ogni mezzo. Noi possiamo anche morire, ma non moriranno i nostri diritti. Nel mondo la questione palestinese ora è molto più conosciuta e si capisce che il pericolo è il sionismo non solo per noi palestinesi, ma per il resto del mondo. La nostra gente soffre da tutti i punti di vista: fisico, psichico; per mancanza di lavoro, di cure sanitarie; i nostri giovani soffrono per mancanza di speranza. Siamo disposti a lottare fino alla vittoria. I palestinesi esiliati hanno il diritto di tornare. Noi non siamo contro ogni israeliano, ma combattiamo il sionismo. Ci sono israeliani che vogliono vivere in pace.
Mi sento arrabbiata perché conosco i miei diritti e non capisco perché i leader europei e americani appoggiano Israele, nonostante non abbia nessun diritto di vivere sulla nostra terra. Il loro comportamento non è giusto, non è morale, non è umano.
Quando gli israeliani affermano che la Palestina è la terra assegnata loro da Dio, fanno ideologia, è un loro film. Noi non siamo contro nessuna religione, dobbiamo imparare a vivere insieme, nessun popolo dovrebbe vivere solo perchè nelle differenze possiamo coabitare.
Il lavoro che facciamo con le donne appena uscite di prigione è studiare i loro bisogni e sostenerle sul piano informativo. Sono storie diverse, drammatiche, perché alcune hanno avuto figli in prigione, altre sono anziane, altre non sono sposate e non hanno nessuno che si possa occupare di loro. Abbiamo deciso di valorizzare le loro storie, aiutandole a scrivere per comporre un libricino. Talvolta sosteniamo le loro figlie negli studi o le donne che sono dentro. Sappiamo che la nostra cultura tratta le donne in modo diverso dagli uomini e questo non facilita il nostro lavoro.
Stiamo realizzando dei video per mostrare le discriminazioni che vivono le donne, dentro e fuori il carcere. È importante la promozione della donna, non solo per stare in casa, ma come sostegno e protagonista della lotta per la liberazione.
Penso che le sfide che la donna vive in Palestina sono le stesse che vive la donna araba in altri paesi o altrove. È difficile far capire agli uomini (e alle istituzioni) che abbiamo diverse capacità e che possiamo collaborare con loro nella lotta per i nostri diritti.
Sono molto felice di quello che faccio con le donne, spero di continuare ad avere salute e risorse economiche.
“È importante la promozione della donna non solo per stare a casa, ma come sostegno e protagonista della lotta per la liberazione”.

Ultimo numero

Quando le armi colpiscono le donne
OTTOBRE 2019

Quando le armi colpiscono le donne

In questo numero, il dossier รจ dedicato
al rapporto tra le mafie e la nonviolenza:
quali possibili risposte nonviolente
al potere criminale mafioso?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.27