Facciamo un pacco alla camorra

13 dicembre 2011 - Tonio Dell'Olio

Ci saranno i familiari delle vittime della camorra, i giovani delle cooperative che lavorano sui terreni confiscati in Campania, gli educatori impegnati nei percorsi di educazione alla legalità, il Comitato don Peppe Diana e Libera. Speriamo ci siano anche i deputati. Perché è a Montecitorio che questa sera saranno presentati i cesti natalizi che significativamente portano il nome di “Facciamo un pacco alla camorra”. Pasta, vino e sottaceti, marmellate e miele, la cioccolata della NCO (Nuova Cucina Organizzata) e il Caffè Lazzarelle, prodotto dalle detenute del carcere femminile di Pozzuoli... Persino la confezione che contiene i prodotti è realizzata dalla cooperativa sociale Altri Orizzonti. Un pacco completo che si vende ai cittadini onesti, ma che è diretto alla camorra. Perché è mettendo in circolo la linfa nuova (e buona) dell’onestà dei comportamenti e un segno concreto (e buono) come i prodotti dei beni confiscati, che si contribuisce a sconfiggere le radici della malapianta.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36