Non è peccato?

22 febbraio 2012 - Renato Sacco

“Guadagnare e pagare le tasse non è peccato”. Lo ha detto il ministro Severino, in questi giorni in cui sono stati resi pubblici i patrimoni dei ministri del Governo. Certo, va riconosciuto l’impegno per la trasparenza e non posso che esprimere stima al ministro Severino. L’unica cosa che mi chiedo, visto che oggi è anche il primo giorno di Quaresima, tempo di conversione: in qualità di ministro non era meglio parlare di reato, invece di peccato?
È vero che dire “non è peccato” è considerata un’espressione comune, un modo di dire. Ma bisogna stare molto attenti a non liquidare sbrigativamente tutta la questione che riguarda la ricchezza, il denaro, affermando che non è peccato. Non sta al ministro decidere cosa sia peccato (e certo neanche al sottoscritto). Se facciamo riferimento al Vangelo, qualche domanda ce la dobbiamo porre. Penso a qualche frase o a episodi molto conosciuti: “È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno dei cieli” (Matteo 19, 24). “ Guai a voi, ricchi, perché avete già la vostra consolazione”. (Luca 6, 24). O la parabola del ricco epulone (Luca 16, 19 – 31) dove epulone non è il nome del ricco perché, come diceva p. Turoldo, nel Vangelo il ricco non ha un nome, solo il povero ha un nome, una dignità, Lazzaro. E poi se guardiamo a Francesco d’Assisi, che è anche Patrono d’Italia, abbiamo qualche stimolo per riflettere sulla ricchezza. Si potrebbero ricordare anche i Padri della Chiesa. Penso per esempio a Basilio: “Quando possiedi una bella somma, già vai desiderandone un’altra uguale. Appena l’hai ottenuta, ecco che subito vai bramando di raddoppiarla. E così via: ogni volta, ciò che aggiungi, non si sazia il tuo desiderio di possesso, ma semplicemente si accende di nuovo la tua avidità” (Basilio, H.VII i.d., 2). E ancora: “Il pane che a voi sopravanza è il pane dell’affamato. Il vestito appeso nel vostro armadio è il vestito di chi è nudo. Le scarpe che voi non portate sono le scarpe di chi è scalzo. Il denaro che tenete nascosto è il denaro del povero. Le opere di carità che voi non compite sono altrettante ingiustizie che voi commettete” (S. Basilio). Mi sembra che ce ne sia a sufficienza per riflettere, per interrogarsi sulla ricchezza e sull’uso del denaro. Confesso che resto un po’ sbalordito di fronte a guadagni milionari.
Ma è una riflessione che chiama tutti alla conversione, come ci ricorda il mercoledì delle Ceneri. Anche il sottoscritto. E, in nome della trasparenza, ricordo che io guadagno 1.197,00 € netti al mese, per 12 mensilità e possiedo una Dacia, non al mare, ma… in garage. Non so se considerarmi ricco. Certo, non posso dire di essere povero. Anzi! E anche molto fortunato rispetto a tanti altri.
Il cammino di riflessione e conversione quaresimale ci tocca davvero tutti. Certo che è doveroso pagare le tasse. È peccato non farlo. Ma forse ci sono anche altri peccati, anche se non sono reati. Buona Quaresima.

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26