Fukushima dopo un anno

12 marzo 2012 - Tonio Dell'Olio

Nome oscuro e sconosciuto che oggi è simbolo, evocazione, monito. Vecchie e nuove verità su un modello di sviluppo antico, ma soprattutto è una storia di morti e di distruzione sacrificati su quell’altare. Fukushima è il monumento all’archeologia della scienza senza volto. È archivio storico. Per questo oggi elemosiniamo dal governo “tecnico” un Piano Energetico Nazionale in grado di offrire l’energia che si sposa con l’aria pulita. A kilometro zero e a rischio zero. Che faccia conto della fantasia della ricerca, del sole e del vento e delle mille nuove strade che muovano i trasporti, accendano le luci, riscaldino le case, sostengano la produzione delle imprese. E non è più utopia né oscurantismo medievale. È necessità urgente. Ce lo chiedono le generazioni future con cui siamo in debito. Generazioni che depositeranno un fiore sulla tomba di Fukushima e tra una lacrima e un pensiero, sorrideranno del nostro ritardo come un ricordo.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36