La Pasqua di Buenos Aires

3 aprile 2012 - Tonio Dell'Olio

La valigia del ritorno da Buenos Aires è colma di speranza. Con un gruppo di amiche e amici di Libera abbiamo incontrato le organizzazioni con cui Libera ha avviato collaborazioni e amicizia. Sono quelle storiche, atrtive dai tempi della dittatura militare, le Madres, i Familiares... dei desaparesidos ma anche associazioni molto attive contro il narcotraffico, la tratta di persone, la prostituzione forzata e il lavoro-schiavo. Anche nelle situazioni più oscure come quella della Villa 21 dove miseria, violenza e degrado si mescolano in una miscela mortale, ci sono segni di speranza che ci invitano a vivere la Pasqua e la primavera come una nuova stagione di rinascita. Ne vale la pena. Non è tutto perduto. L’Argentina ogni anno, il 24 marzo, ricorda la drammatica salita al potere dei militari. Ma insieme alle vittime ricorda la fermezza e la tenacia, il coraggio e la forza inaudita delle Madri di Plaza de Mayo e di tutte/i coloro che hanno resistito. L’Argentina di oggi, i frutti della speranza, sono figli generati da quel cammino. Sono gemme dischiuse ai rami degli alberi irrigati dal sangue dei desaparecidos e dalle lacrime delle loro madri. Più Pasqua di questa!

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36