Smarcarsi dalla violenza

8 maggio 2012 - Tonio Dell'Olio

“Era una bella giornata di sole e non mi sarei mai aspettato che mi succedesse una cosa del genere”. Lo dice Roberto Adinolfi, il dirigente Ansaldo vittima di un attentato ieri a Genova, in un’intervista al Secolo XIX. “Incubo terrorismo” è il titolo più cliccato. Io che non so dire se siamo di fronte a un risveglio degli anni di piombo o alla lucida follia omicida di due mascalzoni, dico che è l’ennesimo seme avvelenato di una violenza che da qualche tempo visita quotidianamente le pagine della nostra vita sociale. Una violenza di rabbia e di disperazione, di delusione e di colpi di testa. E se serviranno certamente tutte le indagini possibili per accertare la verità dei fatti e assicurare i responsabili alla giustizia, è ancora più importante riuscire a disinnescare le ragioni della follia. Forse la stessa che porta alcuni a puntare l’arma contro se stessi, altri a tenere in ostaggio funzionari dell’agenzia delle entrate che forse guadagnano meno di lui, altri ancora a organizzare un agguato vigliacco ai danni di un padre di famiglia che per lavoro dirige Ansaldo Nucleare. La violenza non aiuta nessuno a uscire dalla crisi, ma ci precipita in una crisi ancora peggiore. Se oggi coralmente cominciassimo a raccontare questa semplice verità in tutte le scuole, le chiese, le istituzioni e i mezzi di informazione, avremmo fatto un passo in più per uscire dalla crisi. Poi, però, bisogna fare tutto il resto e farlo tutti insieme. Si chiama solidarietà. Politiche, scelte, rapporti, costruzione di futuro... di solidarietà.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36