Palermo - Guatemala

24 settembre 2012 - Tonio Dell'Olio

Antonio Ingroia ha deciso di accettare l’offerta delle Nazioni Unite per un incarico in Guatemala. Non è una scappatoia né un rifugio. Al contrario è la scelta consapevole di chi sa leggere le mafie postmoderne e comprende che la testa del serpente oggi si trova in Centroamerica. È una scelta strategica che indica una strada. Un segnale lanciato anche a chi vive tutto il provincialismo di discussioni che non tengono conto del salto transnazionale che le grandi famiglie del crimine hanno operato da tempo. Perché molto prima di Ingroia, il biglietto Palermo – Guatemala, lo hanno acquistato i narcos e quelle mafie che continuiamo a pensare come a una fotografia ingiallita. Alleanze e strategie, nuovi interessi portati avanti con metodi e sistemi assolutamente inediti. Un vero peccato che non si legga un solo commento in grado di cogliere tutto questo! Al contrario oggi si annusa un vento che sta portando verso un pericoloso isolamento un magistrato che ha dimostrato con i fatti di saper capire e inchiodare Cosa Nostra. E noi qui a discutere per ore e paginate delle intercettazioni che hanno riguardato il capo dello Stato, invece che indignarci per la vicenda che vede pezzi dello Stato scendere a patti col malaffare. È forse questo un Paese normale?

Ultimo numero

Un mondo a colori
FEBBRAIO 2020

Un mondo a colori

Noi dobbiamo avviare processi, più che occupare spazi.
Dio si manifesta nel tempo ed è presente nei processi della storia.
Questo fa privilegiare le azioni che generano dinamiche nuove.
E richiede pazienza, attesa.
Papa Francesco, 21 dicembre 2019
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.32