I preoccupati occupano

21 novembre 2012 - Tonio Dell'Olio

“Occupati, da ieri, anche il Russell, il Federico Caffè e l'Augusto, che si aggiungono alla lista dei circa venti istituti già presidiati da più giorni, come il Morgagni e il Benedetto Croce (dove gli studenti hanno invitato i prof ad assistere ai propri corsi), il Righi (dove i ragazzi stanno scartavetrando e ridipingendo alcune aule), il Montale, il Tasso, il Socrate, il Rossellini, il Darwin, il Ripetta, il Kant, l'Aristofane, il d'Assisi, il Da Norcia, il Pasteur , il Machiavelli, il Gaio Lucilio, il Pirelli, il Margherita di Savoia, il D'Aosta, il Galilei e l'Albertelli, che ieri ha organizzato lezioni all'aperto davanti a Santa Maria Maggiore” (repubblica.it). E poi anche il Manara, il Cavour e il Virgilio. Ma non solo a Roma. L’occupazione delle scuole si estende un po’ a tutta l’Italia. Studenti che occupano perché preoccupati. Del proprio destino e della preparazione che passa il ministero, dei tagli, dei sacrifici e della scuola cenerentola. Della scuola ramosecco e dei giovani troppo choosy. Della vita precaria e delle scuole cadenti. Pre-occupazione come atto di responsabilità. Preoccupazione, occupazione, disoccupazione. Sembra un destino segnato in cui, quei giovani che se ne partono da casa con sacco a pelo, fornellino e companatico, non vanno lasciati soli. Siamo tutti preoccupati.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36