L'insegnamento di Sarajevo

12 dicembre 2012 - Tonio Dell'Olio

Vent'anni fa, in questi stessi giorni, eravamo a Sarajevo (http://www.balcanicaucaso.org/Media/Gallerie/Sarajevo-la-marcia-dei-500-vent-anni-dopo). In cinquecento. Partiti sull'ispirazione di don Tonino Bello che scrutava nel futuro un modo realmente alternativo alle guerre per risolvere i conflitti. Sognava una società civile che sapesse rispondere senza deleghe e con responsabilità. Eravamo sotto le bombe e nel mirino dei cecchini appostati attorno alla città. Ma eravamo anche vicini alla gente che la guerra la subiva e non la sceglieva. Non la semplice solidarietà delle dichiarazioni, ma una presenza, una stretta di mano e un abbraccio, la convinzione che non esistono solo quelli che si voltano dall'altra parte, che c'è una responsabilità collettiva in un pianeta che è diventato villaggio globale. La consegna di quell'iniziativa al mondo della pace è di proseguire nello studio e nell'azione per superare la resistenza passiva e riuscire sempre a giocare un ruolo da protagonisti nei conflitti. Ma anche una strada per imparare a leggere in profondità le guerre di oggi dove il bene e il male non abitano mai in due fronti diversi e contrapposti, dove bisogna in ogni caso scegliere di schierarsi sempre dalla parte delle vittime. Dove continua ad essere complice il silenzio del resto del mondo e - spesso - quello di coloro che dicono di amare la pace ma, barando su una consonante, finiscono per aRmare la pace.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36