POTERE DEI SEGNI

Laboratori di pace

La famiglia è il luogo dove si sperimentano le relazioni, è accoglienza, laboratorio di solidarietà. È palestra di nonviolenza attiva.
Rosa Serrone

In Italia la famiglia è stata definita nel 2012 un grande ammortizzatore sociale: nonni che aiutano nipoti precari, figli separati o impoveriti che tornano a casa dal padre... Ma le violenze in famiglia sembrano bollettini di guerra. Don Tonino Bello in “La famiglia come laboratorio di pace “(Scritti di Pace) scrive nel 1988: “…La pace, dunque, comincia dalla famiglia …per evitare l’equivoco che sul tema della pace si vogliano incoraggiare ripiegamenti nelle trincee dell’intimismo familista, sentiamo di dovere articolare la nostra riflessione in due momenti: il momento della dossologia e il momento della diaconia.

La dossologia
Una delle cose più belle e più pratiche messe in luce dalla teologia in questi ultimi anni è che la SS. Trinità non è solo il mistero principale della nostra fede, ma è anche il principio architettonico supremo della nostra morale … Gesù, pertanto, ci ha rivelato questo segreto di casa sua non certo per accontentare le nostre curiosità intellettuali, quanto per coinvolgerci nella stessa logica di comunione che lega le tre persone divine. Nel cielo tre persone uguali e distinte vivono così profondamente la comunione, che formano un solo Dio. Sulla terra più persone, uguali per dignità e distinte per estrazione, sono chiamate a vivere così intensamente la solidarietà, da formare un solo uomo, l’uomo nuovo: Cristo Gesù. …
La Trinità, dunque, è una storia che ci riguarda. Ed è a partire da essa che va pensata tutta l’esistenza cristiana. … Ebbene, Dio, per trasmetterci il messaggio che qui nella storia dobbiamo imitare l’archetipo, si serve della famiglia come una parabola …, si serve della famiglia come di un sacramento…
La famiglia è stata pensata da Dio come immagine della Trinità. Deve viverne perciò la logica di comunione ...Non è stata pensata come immagine neutra … ma come immagine provocante. Che provoca, cioè, gli uomini alla comunione…
È stata pensata da Dio come convito intermedio, in cui si fa già l’assaggio delle vivande che si gusteranno attorno alla tavola trinitaria… Il mistero trinitario mette sotto accusa la famiglia di oggi per le discriminazioni che provoca, per le disuguaglianze che favorisce, per le massificazioni che benedice, per le violenze su cui tace, per le ingiustizie contro cui non protesta...

La diaconia
La famiglia, proprio perché icona della Trinità, deve divenire il luogo dove si sperimentano le relazioni e si recuperano i significati ..., vivendo l’uno per l’altro vengono sbrecciati i gangli linfatici che secernono le tossine di guerra: l’accumulo, il profitto, la carriera, il potere, la sopraffazione dell’uomo sull’uomo …
La famiglia è il primo laboratorio in cui si educa al rispetto della diversità …e dal rispetto deve derivare l’accoglienza…
La famiglia deve riscoprirsi, infine, come palestra della pratica della nonviolenza attiva, uscendo dalla falsa alternativa tra violenza e debolezza”.
Dopo 25 anni, si intravedono segni di nuovi stili di vita: recupero del casolare per fuggire l’isolamento dell’appartamento; accoglienza per minori, donne abbandonate, padri separati; maggior cura degli ultimi; affidi e adozioni internazionali; gruppi famiglia che affiancano famiglie disastrate; pastorale familiare più vicina alle situazioni di crisi ; “Progetto Speranza” della C.E.I.; la Politica che s’interroga sulla famiglia e sul ricongiungimento degli immigrati…
Sapremo moltiplicare i laboratori di Pace?

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Il bacio di papa Francesco ai piedi
dei leader del Sud Sudan in guerra
è un’invocazione di pace,
un appello profondo e accorato alla riconciliazione.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20