A Tunisi si rilancia la dignità

28 marzo 2013 - Tonio Dell'Olio

Da dieci anni il Forum Sociale Mondiale – World Social Forum è una finestra che si apre sulle speranze del mondo. Non solo protesta e rifiuto di alcuni modelli e di un sistema-mercato che genera crisi e la sofferenza di milioni di abitanti. Il Social Forum è un respiro di alternativa urgente perché brucia sulla pelle di milioni di persone che abitano il pianeta. In questi giorni associazioni, movimenti e organizzazioni le più diverse sono riunite presso il Campus universitario di Al Manara a Tunisi. 4578 organizzazioni, oltre 30 mila persone provenienti da 127 Stati, per animare in cinque giorni mille incontri, 70 spettacoli musicali, 100 film e oltre 50 esposizioni.
La parola chiave che fa da titolo e filo rosso di questa decima edizione è “dignità”. Non c’è bisogno di alcun commento. Per la prima volta è un Paese arabo ad ospitare il Forum con tutto il carico di attese, preoccupazioni, contrasti e progetti. Ed è un vero peccato che non ci sia copertura mediatica efficace dell’evento. L’informazione è un bene comune. Da Tunisi parte la Carovana antimafia promossa da Arci, Libera, Avviso Pubblico e Cgil, Cisl e Uil. Tunisia e Italia condividono lo stesso 72mo posto della lista di Transparency International della corruzione nel mondo, dopo di noi solo la Grecia e pochi altri. E – lo ricordiamo – la corruzione non è solo la misura della civiltà di un popolo, è l’altra faccia della medaglia delle mafie. Strappare questa malapianta non è solo doveroso ma anche urgente per continuare a costruire “un altro mondo possibile”.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36