CHIAVE D'ACCESSO

La rivoluzione delle utopie concrete

Emissioni zero. Chilometro zero.
Territorio zero. Ecco un programma che rilancia alternative possibili energetiche ed ecologiche.
Alessandro Marescotti (a.marescotti@peacelink.it)

Leggendo il libro “Territorio Zero” ti trovi di fronte a un programma già pronto per fare il sindaco. Il libro, scritto da Livio de Santoli e Angelo Consoli e pubblicato da Minimum Fax, prefigura una “società a emissioni zero, rifiuti zero e chilometri zero”, secondo le idee di Jeremy Rifkin, Paul Connet, Carlo Petrini e altri sostenitori della riconversione ecologica dell’economia.
Un sindaco che legga “Territorio Zero” ha molto da studiare e da approfondire.
Il programma di “Territorio Zero” si ispira alle alternative energetiche basate sul solare e sull’idrogeno (quindi senza emissioni inquinanti); punta alla riprogettazione degli oggetti di uso quotidiano allungandone il ciclo di vita e favorendone il riuso; ambisce a creare comunità capaci di autoalimentarsi e autoprodurre le proprie risorse vitali, a partire dalle cose che mangiamo; progetta di trasformare le abitazioni da unità di solo consumo a unità di produzione dell’energia. In generale, richiede un’accresciuta capacità di controllo dei cittadini sulle risorse locali, una competenza diffusa e una formazione tecnico-scientifica completamente rinnovata basata su una scuola ovviamente rivoluzionata.
Le idee di “Territorio Zero” sono tante e qui vorrei suggerire dei siti web per approfondirle. Partiamo dalla strategia Rifiuti Zero. Su Wikipedia è spiegata la strada per “riprogettare della vita ciclica delle risorse in modo tale da riutilizzare tutti i prodotti, facendo tendere la quantità di rifiuti da conferire in discarica allo zero, contrapponendosi alle pratiche che prevedono necessariamente un processo di incenerimento o discarica”. La pagina web è: http://it.wikipedia.org/wiki/Rifiuti_Zero. Ma sul web troviamo tanti altri siti interessati che descrivono esperienze in atto, come queste: il Centro di Ricerca di Capannori (Lucca) www.rifiutizerocapannori.it; il sito di riferimento dei Comitati Rifiuti Zero della Sicilia www.rifiutizerosicilia.it; quello del Lazio www.coordinamentorifiutizeroperillazio.it.
Con un po’ di pazienza si trovano altri siti simili.
Passiamo alla strategia Impatto Zero. Qui si può trovare qualcosa di molto operativo: www.impattozero.it.
Su Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Impatto_zero) questa strategia è illustrata facendo riferimento a stili di vita di individui che riducono a zero il bilancio complessivo dell’anidride carbonica (che altera il clima), acquistando macchine meno inquinanti e più efficienti, utilizzando elettrodomestici a basso consumo, installando in luoghi appropriati sistemi fotovoltaici ed eolici, piantando alberi che assorbono l’anidride carbonica. Questa strategia punta alla “filiera corta” che riduce le distanze fra produttore e consumatore, riducendo i trasporti inquinanti. Qui arriviamo all’altro concetto della strategia Territorio Zero: quello di Chilometro Zero. Spiega Carlo Petrini: “Per questa rivoluzione sarà necessario che le persone inizino – il più possibile e nei limiti di ciò che gli consentono i territori in cui vivono – a ‘mangiare locale’ e a costruire sistemi di economia locale”.
A questo proposito troviamo su internet delle piattaforme per mettere in rete i produttori a Chilometro Zero, ad esempio: www.prodotti-a-km-zero.it.
È ovviamente molto importante la certificazione dei prodotti perché non tutti i prodotti locali sono buoni.
Ci sono purtroppo siti inquinati che richiedono bonifiche dei terreni e della falda. A questo proposito mi piace concludere facendo l’esempio di Hammarby Sjostad. Era il quartiere brutto e malfamato di Stoccolma, contaminato da siti industriali inquinanti ora dismessi. Adesso l’acqua del lago è potabile grazie alla bonifica. Con un intervento di riqualificazione è diventato posto più bello di Stoccolma ed è addirittura catalogato come il quartiere più ecologico del mondo. Hammarby Sjostad è la dimostrazione che Territorio Zero dà risultati tangibili. La rivoluzione delle utopie concrete ci aspetta.

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26