DISARMO

Frontiere tecnologiche

L’uso indiscriminato dei droni rende le guerre sempre più violente e illegittime. Da radar a spie, un utilizzo spietato che vuol coinvolgere anche l’Italia, ponendo una base di controllo del programma Nato a Sigonella.
Antonio Mazzeo (giornalista)

Il loro uso indiscriminato in Afghanistan, Pakistan e Yemen ha determinato un’inattesa crisi politico-istituzionale a Washington. Da una parte l’amministrazione Obama che li difende, dall’altra numerosi congressisti bipartisan e le Organizzazioni Non Governative di difesa dei diritti umani che ne denunciano le operazioni di guerra sempre più illegittime e sanguinarie. I droni, l’ultima frontiera delle tecnologie di morte e business plurimiliardario per i contractor del Pentagono.
I droni sono “aeromobili a pilotaggio remoto”, velivoli senza pilota, guidati da operatori davanti a un terminale a migliaia di chilometri di distanza; macchine infernali alcune programmate per spiare e coordinare gli attacchi aerei e missilistici, altre per inseguire, colpire e uccidere autonomamente. Le forze armate statunitensi li utilizzano ormai comunque, dovunque e contro chiunque. Un’escalation di omicidi selettivi di presunti guerriglieri e “terroristi” e di stragi “per errore” di civili, donne e bambini. Tra i maggiori strateghi delle guerre dei droni, il neodirettore della Cia John Brennan, benvoluto e corteggiato dal Presidente, poco stimato dalla società civile democratica Usa che ne chiede la rimozione dalla guida dell’onnipotente centrale d’intelligence.

Secondo il diritto
“Con l’uso dei droni vengono messi a rischio cinquant’anni di diritto internazionale”, ha dichiarato l’avvocato sudafricano Christof Heyns, relatore speciale Onu sui temi del controterrorismo e delle esecuzioni extragiudiziali. Le Nazioni Unite hanno dato vita a una commissione d’inchiesta per documentare come i velivoli teleguidati siano stati realmente utilizzati nelle guerre globali e permanenti degli Stati Uniti d’America, dai militari britannici in Afghanistan e dagli israeliani a Gaza. “Il danno collaterale può essere minore rispetto a un bombardamento aereo ma, poiché si elimina il rischio di perdite militari, l’utilizzo dei droni può diventare smodato”, ha aggiunto Philip Alston, altro relatore speciale delle Nazioni Unite.
Nei mesi scorsi anche Pax Christi International si è espressa per la proibizione dell’utilizzo dei velivoli senza pilota come armi belliche (cfr. articolo pag.36-37). “Il loro uso crescente ha inaugurato una nuova fase nelle guerre moderne e sta ponendo pesanti questioni morali e legali che richiedono un’attenzione immediata a livello generale. Gli attacchi dei droni Usa hanno assassinato centinaia di civili e ferito molti altri. Inoltre, le loro operazioni di volo 24 ore al giorno sulla testa di intere comunità non ne hanno assicurato la protezione, ma hanno soprattutto terrorizzato uomini, donne e bambini. Esse hanno causato tremendi traumi psicologici e gravi stati d’ansietà tra la popolazione civile; hanno frantumato le attività comunitarie essenziali come quelle scolastiche, pregiudicando gli sforzi di risoluzione delle dispute tribali”. Pax Christi rileva, poi, come l’utilizzo dei droni si sia dimostrato tutt’altro che utile anche sul fronte prettamente militare. “Nel prossimo futuro, nei campi di battaglia si punterà all’opzione di rendere pienamente autonomi i droni, trasformandoli in veri e propri killer robot, capaci di prendere loro stessi la decisione di uccidere, senza che ci sia un operatore umano in rete”.
Mentre a livello internazionale, tra differenti settori sociali, culturali, religiosi, politici e giuridici si è aperto un dibattito serrato sulla legittimità dei droni come arma d’eccellenza per i conflitti del XXI secolo, in Italia il tema è quasi del tutto ignoto. Eppure le nostre forze armate usano da tempo i droni-spia nel conflitto afgano e attendono dal Congresso Usa l’autorizzazione ad armare i Predator con sofisticati missili e bombe teleguidate. Nel corso della recente guerra in Libia, il governo italiano ha autorizzato la coalizione a guida Nato a utilizzare lo scalo siciliano di Sigonella come avamposto per i droni-killer anti-Gheddafi. Inoltre, da quattro anni, sempre a Sigonella, l’US Air Force ha schierato tre velivoli senza pilota “Global Hawk” per le operazioni di sorveglianza in una vasta area geografica che dal Mediterraneo si estende sino all’intero continente africano. Nell’assoluto disinteresse dei media e delle forze politiche e sociali, il Dipartimento della Difesa ha dichiarato la grande base siciliana capitale mondiale dei droni: entro il 2015 buona parte dei velivoli in dotazione ad aeronautica e marina militare opererà da Sigonella. Nella base funzionerà, inoltre, un grande centro di manutenzione e riparazione dei “Global Hawk” e dei droni killer tipo “Predator” e “Reaper”.

In Sicilia
Entro il 2017 diventerà pienamente operativo in Sicilia pure il programma Nato denominato Alliance Ground Surveillance (AGS) che punta a potenziare le capacità d’intelligence, sorveglianza e riconoscimento dei Paesi dell’Alleanza atlantica. L’AGS fornirà informazioni in tempo reale per compiti di vigilanza aria-terra a supporto dell’intero spettro delle operazioni alleate nel Mediterraneo, nei Balcani, in Africa e in Medio Oriente. Al programma, ritenuto il più costoso della storia dell’Alleanza, hanno aderito in verità solo 13 Paesi: Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Germania, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Norvegia, Romania, Slovacchia, Slovenia e Stati Uniti. Il sistema AGS si articolerà in stazioni di terra fisse, mobili e trasportabili per la pianificazione e il supporto operativo alle missioni e da una componente aerea basata su cinque aerei a controllo remoto RQ-4 “Global Hawk” Block 40 (una versione modificata del Block 30 già operativo con l’US Air Force a Sigonella). Lunghi 14,5 metri e con un’apertura alare di 39,9 i velivoli saranno in grado di volare in qualsiasi condizione meteorologica per 32 ore sino a 60.000 piedi d’altezza (18,3 Km). “I potentissimi sistemi radar che saranno montati a bordo dei droni saranno in grado di scansionare ampie porzioni di terreno fissando i potenziali bersagli con un’affidabilità inferiore al metro”, annunciano con entusiasmo gli alti comandi Nato di Bruxelles. I radar saranno anche capaci di fornire una “capacità aeroportata di indicazione del bersaglio per missili da crociera”.
A Sigonella, dove giungeranno nei prossimi mesi 800 militari dei Paesi membri dell’Alleanza, opererà il centro di coordinamento e controllo del sistema AGS in cooperazione con i “Global Hawk” Usa e potrà contare pure sul supporto dei velivoli senza pilota “Sentinel” in dotazione alle forze armate britanniche ed “Heron R1” che la Francia ha prodotto di recente congiuntamente a Israele. Successivamente l’AGS di Sigonella si interfaccerà con il programma di ricognizione marittima su larga scala Bams (Broad Maritime Area Surveillance) che la Marina Militare Usa attiverà grazie a una generazione di droni-spia ancora più sofisticata e ai costruendi pattugliatori P-8 “Poseidon”.
Il consenso del governo italiano alla iperdronizzazione della base di Sigonella è stato strappato grazie all’impegno Usa e Nato di affidare non più di un paio di modeste commesse alle aziende leader del complesso militare industriale nazionale. In particolare Selex Galileo (controllata Finmeccanica confluita qualche mese fa in Selex Es), ha sottoscritto un contratto del valore di 140 milioni di euro con la Northrop Grumman Corporation, in qualità di capocommessa del programma AGS, per predisporre la componente fissa (MOS) e mobile (TGGS) del segmento di terra del nuovo sistema di sorveglianza Nato. L’azienda italiana dovrà inoltre fornire il proprio contributo alla “suite” di telecomunicazioni, assicurando il collegamento dati su banda larga (prodotto da Selex Elsag, altra società del gruppo Finmeccanica) con le piattaforme aeree.
L’importo della commessa AGS di Selex Galileo è poco superiore al 10% del valore complessivo del contratto (1,2 miliardi di euro) che la Northrop Grumman ha sottoscritto con la Nato il 20 maggio 2012. Le logiche di guerra sono inique e spietate: in cambio di pochi spiccioli nelle tasche dei manager e degli azionisti del gruppo Finmeccanica, l’asse Washington-Bruxelles-Roma ordina l’invasione dei cieli siciliani da parte di stormi di droni-avvoltoi e gravi limitazioni del traffico aereo civile e del diritto alla mobilità di milioni di abitanti.

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.24