Codici etici romani

16 maggio 2013 - Tonio Dell'Olio

Correva l’anno 2004 quando il Comune di Roma con apposita delibera e regolamento conseguente istituì un Comitato Etico (presidente Valerio Onida con Nicoletta Dentico, Luca Colombo, Antonio Marchesi, Gaetano Troina) per valutare l’eticità degli sponsor di eventi e iniziative comunali. In buona sostanza il Comitato era chiamato a verificare se le aziende che offrono sponsorizzazioni al Campidoglio risultano in possesso dei requisiti di responsabilità sociale ed ambientale e rispettino quindi l'ambiente, i diritti umani e dei lavoratori. Sembra passato più di un secolo da quel giorno e non so nemmeno se attualmente presso il Comune di Roma c’è ancora qualcuno a svolgere questo ruolo. Ma sappiamo che in barba all’articolo 6 del Regolamento della Capitale, la “Notte bianca dei musei” che avrà luogo sabato prossimo ha tra i suoi sponsor Finmeccanica e Bnl–Bnp Paribas. Quell’articolo ci ricorda che: “Sono escluse le imprese a qualunque titolo coinvolte nella produzione, commercializzazione, finanziamento e intermediazione di armi di qualunque tipo (compresi i sistemi elettronici e le sostanze chimiche, biologiche e nucleari). Saranno altresì escluse le banche che, a partire dal secondo anno dalla data di approvazione del presente Regolamento, risulteranno coinvolte nel finanziamento all’export di armi come da relazione annuale del ministero dell’economia e delle finanze, prevista dalla legge n. 185/1990”. Finmeccanica è all’ottavo posto tra le aziende che producono armi nel mondo e in questi anni ha esportato anche verso Paesi che violano i diritti umani o che hanno conflitti in corso. Bnl–Bnp Paribas è tra le maggiori banche che hanno aperto linee di finanziamento per l’export di armi. Insomma è una vera e propria banca armata. Coca Cola invece sponsorizza un progetto che ha coinvolto 270 scuole e 38mila studenti laziali per promuovere tra i ragazzi “uno stile di vita sano, attivo e sostenibile attraverso la passione per lo sport”. Vabbè che pecunia non olet ma almeno un po’ di coerenza.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36