A scuola niente armi, ma…

10 giugno 2013 - don Renato Sacco (coordinatore nazionale Pax Christi Italia)

Uno studente di 17 anni si presenta a scuola con la mimetica, un fucile con il colpo in canna nella custodia della chitarra e 30 munizioni. È successo qualche giorno fa a Desenzano. Non sono mancati, giustamente, i commenti di condanna del gesto, di preoccupazione, di paura per quel che poteva succedere. E così via. Certo un episodio isolato ma inquietante, e per fortuna finito bene, senza morti o feriti. Sì, perché a scuola non si va con le armi!
Ma… C’è un ‘ma’.
Perchè la scuola italiana è sempre più militarizzata? Nel senso che “attraverso molteplici iniziative inserite nei percorsi formativi, apre spesso le porte ad attività presentate, come 'orientamento scolastico', direttamente dalle Forze armate, da tempo impegnate a raggiungere capillarmente il mondo giovanile.”
Quante volte abbiamo visto generali e militari di ogni ordine e grado entrare nelle scuole per presentare ai giovani la possibilità di entrare nell’esercito, di guidare un caccia, portando direttamente gli studenti, ad es. sull’aereo a Cameri (Novara) per far un volo ‘dimostrativo’!
È vero, non entrano con le armi a scuola! Men che meno entrano a scuola con l’intenzione di sparare.
Ma tutta l’operazione è per educare all’uso delle armi, alla guerra. Basti pensare all’iniziativa “Allenati per la vita” con corsi per l’uso delle armi e con gare pratiche ‘tra pattuglie di studenti’.
“Quando nella realtà formativa dei ragazzi entrano le attività promozionali dell'Esercito italiano, della Marina militare e dell'Aeronautica militare, si promuove un militarismo che educa all'arte della guerra piuttosto che alla costruzione della pace con mezzi pacifici e attraverso il rispetto per l'altro.”
È quanto si legge nella presentazione della ‘CAMPAGNA SCUOLE SMILITARIZZATE’ promossa da Pax Christi, in particolare dai giovani di Pax Christi che ‘ritengono sia urgente riaffermare che la scuola deve educare alla nonviolenza e alla pace’, non alla guerra.
C’è un sito che presenta la campagna, con tutto il materiale necessario: www.paxchristi.it/?p=6763.
In questi giorni le scuole chiudono, iniziano le vacanze. L’episodio di Desenzano potrebbe farci riflettere e prepararci a riaprire le scuole all’educazione alla pace, alla nonviolenza.
Le armi e l’esercito, per favore, lasciamoli fuori.

10 giugno 2013
d. Renato Sacco, coordinatore nazionale Pax Christi Italia (348 – 3035658)

Pax Christi Segreteria nazionale: 055 - 2020375

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.24