Brasile la partita fuori dal Maracaná

18 giugno 2013 - Tonio Dell'Olio

Invito i tifosi della nazionale italiana ad avere almeno un pensiero anche per la popolazione brasiliana. Ogni volta che esultate per un gol o fremete nell'attesa del calcio d'inizio della partita di turno della Confederation Cup o dei prossimi Campionati del Mondo, pensate anche ai tanti cittadini brasiliani che fuori degli stadi a Rio, Belo Orizonte e Brasilia. I manifestanti esprimono il proprio disaccordo contro gli investimenti milionari per la costruzione di infrastrutture in vista del Campionato finanziati con l'aumento del biglietto dei trasporti pubblici. Insomma sono i poveri a pagare il divertimento degli altri. Quelli che forse un biglietto per la partita non lo potranno mai acquistare in tutta la propria vita. Il solo rifacimento del Maracaná è costato 600 milioni di dollari. “La Coppa non ci importa, vogliamo salute e istruzione” gridavano fuori dallo stadio mentre si disputava la partita Messico - Italia. Quella partita fuori dallo stadio l'ha vinta la polizia in assetto antisommossa con idranti, lacrimogeni e proiettili di gomma. Ma forse era solo il primo tempo.

Ultimo numero

Mediterraneo arca di pace?
GENNAIO 2020

Mediterraneo arca di pace?

Un numero speciale, monografico,
in occasione dell'incontro su
"Mediterraneo, frontiera di pace",
organizzato dalla Cei a Bari in febbraio 2020,
e nello sfondo del messaggio di papa Francesco
per la Giornata mondiale della Pace,
"La pace come cammino di speranza:
dialogo, riconciliazione e conversione ecologica".
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.31