Cerco una chiesa, non un pastore perfetto...

18 marzo 2013 - Stella Morra (www.teologhe.org)

Le reazioni all’elezione di Francesco I sono comprensibilmente variegate, amplificate, ideologiche o meno… ognuno ha il diritto (e forse il dovere) di dire e condividere ciò che pensa. Le carte sono state sparigliate, e non poco, le novità simboliche e reali sono molte, l’attesa è crescente e molti tra coloro con cui condivido pensieri e parole non hanno ancora il coraggio di essere contenti, temendo l’ennesima delusione.
Personalmente ho solo due pensieri, per ora, piccoli e frammentari; il primo è che non mi aspetto un pastore perfetto, in cui poi “perfezione” spesso coincide con “d’accordo con me su tutto”. E non per cinismo o disincanto. Piuttosto perché temo i risolutori definitivi e perché mi hanno insegnato da piccola che la chiesa non la fa nessuno da solo, neppure il papa (oh, scusate: il vescovo di Roma, chiesa che presiede nella carità). I pastori, a tutti i livelli, dovrebbero fare ciò che devono per servire la fede del loro popolo, e lo fanno come sono, come persone; il popolo dovrebbe fare ed essere ciò che deve, nella propria responsabilità battesimale, senza aspettarsi sempre una benedizione per le proprie scelte. Vescovi e popolo insieme imparano gli uni dagli altri, si correggono gli uni gli altri e cercano di servire tutti, specialmente i poveri.
A me sta a cuore la causa delle donne, mie sorelle; e forse (da ciò che sappiamo per ora) non altrettanto o non nello stesso modo sta a cuore a Francesco I: ma se le donne gli parleranno e lui ascolterà, se lui ci parlerà e noi lo ascolteremo, impareremo. Sta a noi, donne credenti, essere per lui la voce di tutte le donne. Una voce affettuosa e insieme insistente, senza sconti perché affettuosa.
Ma per questo servono condizioni previe (ed è il secondo pensiero): ritornare ad una fiducia e credibilità reciproca, non annegare nel “retropensiero”, ritrovare i fondamentali della chiesa in questo tempo (misericordia e larghezza di cuore, sobrietà riconoscibile, rispetto e cura per i poveri, riconoscimento della reciproca soggettività battesimale, fiducia nella realizzazione delle istanze di Vaticano II, pazienza e tempo di credito reciproco). Ci sarà dato? Francesco I ce lo darà? E noi sapremo concederlo a lui? Questo non lo possiamo ancora sapere.
A lui spetta donarci queste condizioni nelle scelte, anche pubbliche, che farà; per ora ha dato segnali chiari: ha chiesto reciprocità, ha mostrato in sè e chiesto ai cardinali e al suo popolo argentino sobrietà, ha rigirato l’altare della Sistina secondo la riforma liturgica… Solo captatio benevolentiae mediatica? Personalmente non credo, e sono più propensa a pensare che siano gesti voluti perché tutti li possano leggere, perché anche le persone meno intellettuali si sentano a casa, accolte, con le preghiere essenziali, con il nome di un santo che tutti amano, fuori e dentro la chiesa, con la differenza chiara e non teorica tra una croce d’oro e pietre preziose e una di ferro.
Concediamo credito a questo pastore e diamogli tempo, chiediamogli credito e tempo. Voglio una chiesa che sia tale, che cerchi di essere la chiesa del Signore, non un pastore perfetto.

Ultimo numero

Quando le armi colpiscono le donne
OTTOBRE 2019

Quando le armi colpiscono le donne

In questo numero, il dossier è dedicato
al rapporto tra le mafie e la nonviolenza:
quali possibili risposte nonviolente
al potere criminale mafioso?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.27