L’acqua arancione del San Sebastian

9 luglio 2013 - Tonio Dell'Olio

L'acqua del fiume San Sebastian in El Salvador è di colore arancione. Non è né un effetto ottico e nemmeno un fatto naturale, ma semplicemente il risultato dell’inquinamento da rame (mille volte superiore alla quantità consentita) e cianuro (nove per cento oltre il limite di legge). È l’effetto devastante dell’attività delle miniere di oro. Le popolazioni che abitano i territori attraversati da quel fiume devono ricorrere all'acquisto di acqua in bottiglia per dissetarsi e utilizzare quella inquinata per il bestiame e per tutti gli altri usi. È solo un esempio di quello che avviene normalmente lontano dai nostri occhi, ma molto vicino agli interessi delle multinazionali dell’estrazione mineraria. Ora il governo salvadoregno, sotto la spinta dei movimenti di base e di buona parte della popolazione, vuole mettere fine alle concessioni minerarie. Naturalmente le multinazionali delle miniere passano all'attacco: Commerce Group (USA) e Pacific Rim (Canada) hanno già presentato ricorso alla Centre for the Settlement of Investment Dispute (ICSID) della Banca mondiale sulle decisioni del governo salvadoregno di bloccare le concessioni minerarie. Il risarcimento richiesto per i mancati guadagni è di 400 milioni di dollari. Una cifra che metterebbe in ginocchio la fragile economia salvadoregna. Così va il mondo... se noi ci limitiamo solo a guardare o se ci voltiamo dall’altra parte.'

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.34