COOPERAZIONE

Alla salute!

Per il nuovo anno scolastico, dotatevi del kit didattico prodotto dall’Aifo per parlare di diritto alla salute. Per tutti.
Gabriella Melli (mediatrice interculturale e insegnante di italiano per stranieri)

Un albero giovane, baciato dal sole, che si staglia su un cielo azzurro… Un albero snello, ma forte, con le radici ben piantate, ricco di foglie e rami che attendono frutti: è l’immagine che AIFO ha scelto per parlare di Diritto alla Salute nelle scuole, attraverso il Kit didattico Alla Salute! appena uscito.
Quest’ultimo lavoro è perfettamente in linea con l’impegno che da più di 50 anni Aifo, ONG nata nel 1961, porta avanti a favore della cultura dei diritti in tutto il mondo, con un’attenzione particolare alla Salute, ispirandosi all’opera di Raoul Follereau. Il giornalista, scrittore e poeta francese, infatti, colpito dalla situazione dei malati di lebbra nei Paesi più poveri del mondo, decise di dedicare la sua vita alla lotta a questa malattia e quelle che egli stesso definì le “altre lebbre”: l’indifferenza, l’egoismo, l’ingiustizia che affliggono le società più avanzate.
Proprio all’interno di queste ultime appare cruciale avvicinare le nuove generazioni a un approccio globale ai diritti, creando una nuova civiltà che, nelle parole di Follereau, non è “né il numero, né la forza, né il denaro. La civiltà è il desiderio paziente, appassionato, ostinato, che vi siano sulla terra meno ingiustizie, meno dolori, meno sventure. La civiltà è amarsi”.

Educazione allo sviluppo
Da più di 10 anni, dunque, AIFO si impegna nell’educazione allo sviluppo, riportando all’attenzione di adulti e ragazzi i temi e le problematiche che affronta nei progetti a favore dei Paesi in via di Sviluppo, mettendo in luce come, nella realtà contemporanea, le difficoltà di tanta parte dell’umanità riguardano davvero i destini di tutti.
Il kit Alla Salute! si inserisce nel filone delle iniziative e degli strumenti che AIFO propone con particolare interesse al mondo della scuola (http://www.aifo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/58), quale terreno fertile per far crescere una nuova mentalità, passando in primo luogo attraverso un’informazione corretta, il rispetto delle diversità, dei diritti umani e l’assunzione di stili di vita improntati alla sobrietà e alla responsabilità.
Come l’albero, immagine del kit, la crescita sana dell’individuo, e in particolare dello studente, deve fondarsi su una coscienza attiva dei Diritti Umani Universali, rappresentati dalle Radici.
Come scrive Ilaria Olimpico, una delle autrici del gruppo di diverse figure professionali che ha realizzato questa proposta didattica, “Le radici sono i diritti! Quando è nata l’idea di un kit didattico che parlasse della salute e che fosse identificabile con la metafora dell’albero, subito si è pensato che le radici fossero i diritti, perché sostengono e alimentano il tronco e i rami. I diritti sono le radici per una società di giustizia, di uguaglianza, di solidarietà. I diritti sono le radici perché sono l’elemento imprescindibile, fondamentale e necessario. Non può esserci davvero diritto alla salute se non c’è un diritto all’educazione e all’informazione, non c’è davvero diritto alla salute se questo diritto è riservato solo ad alcuni, non può essere rispettato il diritto alla salute se non sono rispettati i diritti della natura”.

Dalle Radici al Tronco
Dalle Radici/Diritti comincia un percorso che nel Tronco/Diritto alla Salute si snoda in una breve digressione storico/antropologica sul concetto di Salute e di Male, fra i più determinanti in tutte le culture del mondo.
Quest’attenzione alle diverse concezioni di Salute riflette anche un attualissimo dibattito che rimette in discussione i concetti di Salute e di Cura nella Medicina “occidentale”, che nel corso del tempo si è forse troppo sbilanciata sul lato fisiologico dell’essere umano, dimenticando la sostanziale unità di benessere fisico e spirituale perseguita dalle cosiddette Medicine tradizionali e dalle ultime frontiere delle scienze psicosomatiche e psiconeuroimmunologiche, nonché sostenuta, già dal 1946, nel preambolo alla Costituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che la definiva come uno “stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non solo assenza di malattia o infermità”.
A tal proposito i Rami/Schede e il Glossario offrono spunti per approfondire queste e altre tematiche, trattando di Alimentazione, Ambiente, Cooperazione Internazionale, Salute Pubblica in Italia, Artiterapie e altri argomenti, fra cui l’accesso ai farmaci, la Riabilitazione su Base Comunitaria, Disabilità, e Migrazioni, le quali fanno luce sulla necessità di un SSN che renda il Diritto alla Cura realmente alla portata di tutti.
Il kit è caratterizzato da un approccio davvero poco didascalico, con una grafica vivace e accattivante che lo rende uno strumento a disposizione dei docenti, da utilizzare in un’ottica quanto più possibile interdisciplinare e in modalità che incoraggino la partecipazione attiva dei ragazzi nell’acquisizione dei contenuti. Proprio per questo un CD- rom accompagna la versione cartacea e ne rende più semplice la riproposizione in classe, tramite la stampa dei contenuti o l’utilizzo in supporti multimediali.
“Consapevoli che la conoscenza è passata dall’essere lineare e consequenziale, all’essere organizzata in modo reticolare e interconnesso” scrive Patrizia Morgante, “abbiamo cercato di elaborare un kit che rispondesse a queste caratteristiche. Più che uno strumento da usare, è uno spazio da abitare e dove navigare; approfittando dei numerosi rimandi e link, si può passare da un tema all’altro senza mai perdere la percezione del tutto. Il linguaggio è immediato e cerca di usare i canali comunicativi oggi maggiormente adottati dai giovani attraverso i social network”.
La prima parte offre ai docenti alcuni spunti derivanti dall’educazione popolare e dalla pedagogia di Paulo Freire, facendo delle attività proposte in classe uno spazio di apprendimento reciproco fra insegnanti e discenti e di comune costruzione di senso; vi si ritrovano anche preziosi suggerimenti sulla costruzione di un’unità di lavoro e la proposta di alcune tecniche per stimolare l’interazione nel gruppo classe.
A questo fine, gli argomenti della seconda parte del kit (Radici, Tronco, Rami) sono accompagnati da attività apposite e tanti link a film, video, siti web e documenti che arricchiscono la trattazione, rendendola più adatta ai nostri giovani, i cosiddetti “nativi digitali”.
Alla Salute! è un percorso interattivo, multimediale e aperto, che nella terza parte si apre alla realtà concreta con le storie di vita di chi ha dedicato le sue esperienze, non solo professionali, alla difesa e all’estensione del Diritto alla Salute, e con buone pratiche, esempi di quanto l’impegno in questo campo produca importanti risultati per la vita collettiva.
Con l’augurio di vedere presto protagonisti di buone pratiche ragazzi e insegnanti, il kit (non) si conclude con la quarta parte: questa prenderà corpo grazie all’iniziativa di quanti utilizzeranno il supporto virtuale di questo prodotto, e cioè la pagina facebook ad esso dedicata (www.facebook.com/KitDidatticoAifo), uno spazio vivo, da arricchire con altri link e materiali sul Diritto alla Salute, feedback, lavori prodotti in classe, foto e tanto altro ancora…
Alla Salute!!!

Ultimo numero

Quando le armi colpiscono le donne
OTTOBRE 2019

Quando le armi colpiscono le donne

In questo numero, il dossier è dedicato
al rapporto tra le mafie e la nonviolenza:
quali possibili risposte nonviolente
al potere criminale mafioso?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.27