L’India contro la corruzione

14 gennaio 2014 - Tonio Dell'Olio

Qualcuno ricorderà la figura di Anna Hazare, l’attivista che per due anni aveva fatto pubblici digiuni e tenuto comizi nella capitale per protestare contro la corruzione dilagante in India. Ebbene quella protesta comincia a dare i primi risultati. Il nuovo primo ministro dello Stato di New Delhi, Arvind Kejriwal ha istituito un numero verde cui è possibile rivolgersi per denunciare casi di corruzione da parte di pubblici funzionari. Nelle prime sette ore di funzionamento del numero le linee sono rimaste intasate e sono state registrate 3904 telefonate. Da quelle parti è costume chiedere una tangente anche per produrre una patente di guida, un certificato di matrimonio o di morte. Inoltre sono stati presi d’assalto i negozi che vendono apparecchiature di registrazione audio-video perché d’ora in poi saranno considerate prove valide le registrazioni di richieste di denaro in maniera illecita. Se è vero che si corre il rischio di scatenare una sorta di caccia alle streghe, dall’altra parte proprio questo genere di iniziative riesce a responsabilizzare i cittadini e va incontro all’esigenza di chi vuole provare a vivere in un Paese che riconosce e difende i diritti più elementari. Chissà che non sia una lezione anche per noi qui in Italia che non possiamo certo dirci indenni da questo male endemico!

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36