L’ambasciatore e gli F35

6 maggio 2014 - Tonio Dell'Olio

Ospite in una trasmissione televisiva, John Phillips, ambasciatore USA in Italia, richiama il nostro governo a rispettare gli impegni assunti in sede internazionale in materia di difesa e si riferisce soprattutto all’acquisto degli F35. Fornisce le motivazioni. La posizione strategica del nostro Paese, la necessità di ammodernamento degli armamenti nella prospettiva dei prossimi 20 anni e il prestigio che l’Italia deve mantenere in sede internazionale. Quanta ragnatela in queste parole che mostrano una visione del mondo vecchia, usurata, stanca. Quanta sfiducia nelle sorti del pianeta che è destinato ad avere sempre bisogno di gendarmi a presidiarne una pretesa sicurezza con la forza. Quanta miopia in una sicurezza considerata esclusivamente sul versante difesa mentre la gente cerca di fatto un’altra sicurezza sul piano sociale o su quello della salute e della famiglia. Per tutte queste cose gli F35 servono a ben poco. Anzi a niente. Anzi servono a sottrarre risorse importanti. Ecco, caro ambasciatore, sugli F35 dovremmo scrivere le stesse cose che appaiono sui pacchetti delle sigarette: nuocciono gravemente alla salute.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36