Tua sorella rapita in Nigeria

7 maggio 2014 - Tonio Dell'Olio

Boko Haram tradotto in italiano significa "l'educazione occidentale è peccato". Nel nome dei terroristi fondamentalisti della Nigeria c'è tutto il loro programma. Per questa ragione rapiscono le ragazze che frequentano le scuole e i college. 237 sono state rapite nei giorni scorsi. Di queste 53 sono riuscite a scappare, ma ieri altre otto sono state portate via direttamente dalla loro scuola nel Nord del Paese. Si tratta di un crimine odioso che offende la dignità delle donne e ferisce le famiglie. Ma non può e non deve essere considerato un dramma solo delle famiglie colpite e nemmeno semplicemente un problema nigeriano. Tua sorella, tua figlia è stata rapita in Nigeria. Deve essere tutta la comunità internazionale a indignarsi e a muoversi. A pretendere che quella scheggia impazzita dell'Islam venga neutralizzata. Liberare quelle ragazze subito e poi aiutare tutta la Nigeria. Un Paese che, stando al Pil (509 miliardi di dollari) è il più ricco dell'Africa. Ma il 60% dei suoi 160 milioni di abitanti (un quinto del continente) vivono con meno di due dollari al giorno. Il consenso che Boko Haram trova nella popolazione è dettato dalla miseria e dall'analfabetismo che negli Stati del nord sono ancora più diffuse. Ancora una volta la violenza si vince con la solidarietà e con la giustizia. Ma adesso intanto liberiamo quelle ragazze.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36