La Scuola delle Americhe

13 aprile 2015 - Tonio Dell'Olio

Si chiamava SOA - School of Americas, proprio così, al plurale. A riconoscere che sbagliamo quando diciamo America per indicare Stati Uniti. Perché le americhe sono numerose e non sono tutte uguali. Oggi quella stessa realtà si chiama Istituto dell'Emisfero Occidentale per la Cooperazione alla Sicurezza (WEISC). La sostanza non cambia. Si tratta di una vera e propria scuola di guerra. Di guerra sporca. Fino al 1984 questa istituzione si trovava a Panama ed ora sta a Fort Benning, in Georgia (USA). L'ex presidente panamense Jorge Illueca, all'epoca, dichiarò che la School of the Americas era “la più grande base per la destabilizzazione dell'America Latina". Negli anni, da quella scuola guidata dagli esperti USA, sono usciti militari che hanno commesso le peggiori violazioni dei diritti umani, in termini di tortura, uccisioni e scempio della vita umana. Dal Cile al Guatemala, da El Salvador all'Argentina, e poi all'Honduras,  alla Colombia, al Perù... tutti hanno subito le brutalità di quegli eserciti al servizio delle potenti oligarchie economiche locali e transnazionali. In maniera più latente e subdola, le operazioni proseguono ancora oggi grazie alla formazione ricevuta in quella scuola, di cui una rete di associazioni raccolta nel cartello SOA WATCH, chiede la chiusura. Oggi che Obama e Castro si stringono la mano, chiudere la SOA sarebbe un bel segno di investimento nel futuro, di distensione, di fede nella costruzione della pace e della democrazia per tutte le americhe del mondo.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36