Le storie che non conosciamo

29 aprile 2015 - Tonio Dell'Olio

Victoria sembra piegata sotto il suo carico di pensieri, di esperienze e di sofferenza. Parla tutto d'un fiato senza sollevare lo sguardo. Racconta del suo impegno da universitaria nelle organizzazioni studentesche. Racconta della repressione dei governi dittatoriali in Bolivia negli anni 60 e 70 con date e riferimenti precisi come fossero cose avvenute in questi giorni. Il suo sguardo si appanna, come la sua voce, quando racconta di quando, una notte, i militari la trascinarono via da casa sua, insieme a sua madre e a sua sorella, di soli sette anni. Descrive le torture a cui viene sottoposta, perché rivelasse cose che lei nemmeno conosceva. Per costringerla a confessare collegamenti, compagni di lotta e piani di insurrezione, arrivano a violentare la madre e la sorella. Poi saranno in tre ad abusare anche di lei. In Bolivia, dalla fine degli anni 50 all'inizio degli anni 80, si sono succedute - golpe su golpe - dittature crudeli al servizio di potentati economici interessati a sfruttare le enormi ricchezze della terra e del sottosuolo di questo Paese. Di tutto questo, in Europa, è giunto solo qualche lontana eco. Molto meno di quanto abbiamo conosciuto delle tragedie di Argentina, Brasile e Cile, di quegli stessi anni. Una qualche forma di solidarietà internazionale avrebbe dovuto coinvolgerci. Qualche protesta di governi democratici e di società civile avrebbe dovuto fermare quelle brutalità, i massacri dei campesinos e degli indigeni. Un mea culpa che non abbiamo mai fatto e che deve metterci almeno in guardia perché questo non si ripeta mai più, in nessuna parte del mondo.    

Ultimo numero

Quando le armi colpiscono le donne
OTTOBRE 2019

Quando le armi colpiscono le donne

In questo numero, il dossier รจ dedicato
al rapporto tra le mafie e la nonviolenza:
quali possibili risposte nonviolente
al potere criminale mafioso?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.27