Sui sentieri di Pax Christi

Saluto ai partecipanti all'assemblea di Pax Christi
(Napoli, 25-26 aprile 2015)
Mons. Giovanni Ricchiuti (Presidente di Pax Christi Italia)

Carissimi amici di Pax Christi,

nel darvi per la prima volta come presidente (dal 12 novembre 2014…) il mio benvenuti a questa annuale assemblea nazionale, che mi consentirà di conoscere ancora di più questa grande famiglia, avverto anche il bisogno di dirvi GRAZIE!

Per l’accoglienza riservatami, per i primi inviti che mi stanno pervenendo dai vari Punti Pace e, soprattutto, per il vostro impegno di ‘irriducibili’ sognatori e, allo stesso tempo, seminatori e coltivatori di pace.

Sin dal mio primo saluto, vi dicevo che avevo accettato la nomina perché in qualche modo già ci conoscevamo e incoraggiato dalla vostra simpatia vi dicevo che mi affiancavo in questo cammino condividendone attese e speranze.

Da Vicenza a Firenze, dalla Striscia di Gaza a Gravina in Puglia e ora qui per incontrarvi e incontrarci, per un confronto e per un ripartire.

Non vogliamo essere estranei, oggi 25 aprile, a quanto si sta celebrando in Italia in questo 70° della Liberazione dal nazifascismo per un Paese che ritrovi la sua identità alla luce del passato: un’identità di Paese libero, che sa riconoscere i diritti di tutti, specialmente delle fasce e dei gruppi meno favoriti.

È anche il 70° di Pax Christi Internazionale e il 60° di Pax Christi Italia.

Sì, perché siamo chiamati a riconfermare la nostra fedeltà agli ‘ideali’ di Pax Christi, a essere non solo un movimento ma in movimento per vigilare, “denunciare, annunciare, rinunziare” (il trinomio caro a don Tonino Bello, a 22 anni dalla sua morte).

Denunciare” il permanere di una logica di guerra come via per la risoluzione dei problemi e smascherarne le ipocrite motivazioni ‘umanitarie’.

Denunciare” e tenere sempre desta l’attenzione su quanto sta accadendo, nel silenzio generale internazionale, in Israele e in Palestina. Forse la parola “genocidio” dei palestinesi è un po’ troppo ma quello che ho visto con i miei occhi è molto vicino alla realtà.

Denunciare” tra le chiacchiere, le paure, i rigurgiti di xenofobia e di razziamo, piò o meno latenti, che il “mare nostrum” è diventato “mare monstrum” per come sta ingoiando ogni giorno centinaia e centinaia di fratelli e sorelle in fuga dai loro paesi per le condizioni inaccettabili di vita.

Pax Christi, in nome del Dio della Pace, sta parlando con i suoi comunicati, non stiamo in silenzio, con varie iniziative, soprattutto nei punti pace, desidero incoraggiare a tenere alta l’attenzione, e a indicare percorsi di riconciliazione, di accoglienza e di integrazione.

Ho letto con molta attenzione quanto è stato raccolto nei questionari sulle attività dei vari gruppi…

Forse, permettetemi, occorrerebbe un ‘ringiovanimento’ del movimento con un forte invito a essere in mezzo ai giovani per rilanciare la passione per la pace.

Infine, la questione CASA PER LA PACE: non è questione di vita o di morte per il movimento ma un punto di sosta, una ‘tenda’ per sentirci a casa nostra e far sentire a quanti ci entreranno che sono i benvenuti!

È una questione che è bene portare a definitiva soluzione e quanto in questa assemblea è stato proposto è bene che ognuno di noi possa impegnarsi e impegnare amici.

Buona continuità di cammino!  

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36