Genny

9 settembre 2015 - Tonio Dell'Olio

Genny in realtà è Gennaro Cesarano. Genny non aveva nemmeno 17 anni ed è rimasto esangue sull’asfalto di Piazza Sanità a Napoli, proprio davanti al sagrato della chiesa del quartiere – dice la cronaca. L’affanno della stampa locale e nazionale sembra essere tutto teso a comprendere se Genny facesse parte del giro o meno. Se se l’è cercata come avviene nel modo dei balordi oppure è rimasto vittima di un errore. Se si è trattato di un regolamento di conti oppure di un atto drammaticamente dimostrativo. Francamente è un esercizio che non comprendo. Genny è vittima della violenza. Punto e basta. Forse inavvertitamente il cronista va alla ricerca di una giustificazione alla violenza stessa. Perché, se Genny fosse stato del giro, l’agguato troverebbe un’attenuante? Sarebbe giustificato? Avrebbe un movente plausibile? E allora pensiamo piuttosto a comprendere quella ragnatela di situazioni sociali che portano un quartiere, una città, a contare i propri morti. Scopriremo carenze e responsabilità che vanno ben oltre quella che cerchiamo in Genny e persino al di là delle mani che hanno impugnato la pistola.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36