Il Nobel della medicina ovvero della pace

7 ottobre 2015 - Tonio Dell'Olio

Nel mondo governato dai ricchi anche la ricerca medica è al servizio del mercato e non si sottrae alla legge della domanda e dell'offerta. Anche se nel mondo si calcola che siano circa 400 milioni le persone che ogni anno contraggono la malaria, la ricerca, quando non si occupa di cosmesi, è orientata a sconfiggere o alleviare le malattie di quelli che possono pagare. I 400 milioni sono fuori mercato, sono poveri. Il premio Nobel assegnato alla cinese Youyou Tu che ha sviluppato una risposta accessibile contro la malaria a partire dalla medicina tradizionale cinese, in questo senso equivale ad un Nobel per la pace. È una chiara indicazione a non dimenticarsi della parte di umanità che viaggia in terza classe. A farsi carico di tutte le situazioni a partire dalle più urgenti e devastanti. Altri criteri, altre priorità. Questo ha voluto indicarci quel Nobel. E noi speriamo che sia un primo passo verso un'inversione di tendenza, una conversione della ricerca e anche una valorizzazione della medicina tradizionale snobbata dai grandi centri e dalle multinazionali del farmaco.   

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36