Roma, 25 febbraio 2016 – COMUNICATO AI MEDIA

Parlamento Europeo vota per embargo armi ad Arabia Saudita. Rete Disarmo: Commissione e Governo italiano si muovano subito

Rete Italiana per il Disarmo e le realtà europee di ENAAT si congratulano con il voto odierno nella Sessione Plenaria del Parlamento Europeo, che si è espresso sulla grave situazione umanitaria dello Yemen chiedendo alla Vicepresidente della Commissione Federica Mogherini di iniziare un percorso verso l'embargo di armi nei confronti dell'Arabia Saudita.
Rete Italiana per il Disarmo

Con una decisione storica, ed importantissima sul piano umanitario a riguardo di una delle peggiori crisi derivanti da conflitto dei giorni nostri, il Parlamento Europeo ha adottato oggi una Risoluzione sullo Yemen che richiama la necessità di porre fine alla guerra in corso con modalità di pieno rispetto della Legge Internazionale Umanitaria e un esplicito Emendamento (votato da 359 Parlamentari con 212 voti contrari) che richiama la necessità di fermare il flusso di armi nella regione.

L'Emendamento (presentato da diversi gruppi: S&D, ALDE, Verdi, EFDD, GUE) richiede espressamente che la  Vicepresidente della  Commissione  ed Alto Rappresentante della Politica Estera Federica Mogherini lanci un'iniziativa volta ad imporre un embargo di armi nei confronti dell'Arabia Saudita. Tutto ciò a causa delle continue e documentate denunce di violazioni dei diritti umani nei confronti della coalizione a guida saudita che da mesi sta bombardando lo Yemen ed anche poiché continuare a vendere armi al Riyad configurerebbe una violazione della Posizione Comune del 2008 sull'export militare.

“Siamo davvero contenti che il Parlamento UE abbia scelto di supportare questo importante Emendamento - commenta Francesco Vignarca coordinatore di Rete Disarmo – è un modo diretto per riconoscere gli sforzi che da mesi le ONG europee che si occupano di disarmo e controllo degli armamenti stanno  facendo  per  fermare  l'impatto  negativo  delle  armi  europee  nel  conflitto  in Yemen .  Ora  è responsabilità della Commissione Europea, ed in particolare della Vicepresidente Federica Mogherini implementare questa forte posizione politica”. Le realtà internazionali che afferiscono ad ENAAT (European Network Against Arms Trade) chiedono dunque che ora ci sia una veloce e chiara applicazione dell'Emendamento soprattutto a salvaguardia dei principi contenuti nella Posizione Comune 2008.

“Vedremo anche cosa faranno gli Stati Membri, 26 dei quali hanno già sottoscritto il Trattato Internazionale sugli armamenti (ATT) - continua Vignarca – e ora dovranno agire per soddisfare uno dei suoi principali obiettivi, che è quello di controllare il flusso di armi in aree dove possano essere usate per violare i diritti umani e le Leggi Umanitarie internazionali”.

La decisione del Parlamento Europeo è in particolare molto importante per il caso italiano, non solo perché l'Italia ha sottoscritto, tra i primi Paesi al mondo, il Trattato ATT ma anche perché la nostra Legge nazionale 185/90 proibisce la vendita di armi a paesi che siano in Stato di conflitto armato. Eppure sono almeno sei le spedizioni di bombe verso l'Arabia Saudita registrate negli ultimi mesi e per questo motivo negli scorsi giorni Rete Disarmo ha depositato Esposti in diverse Procure d'Italia (segnalando anche la violazione del Trattato Internazionale e della Posizione Comune UE).

“Anche l’Italia – dichiara Giorgio Beretta, analista dell'Osservatorio OPAL di Brescia in questi mesi ha continuato a inviare ai Sauditi tonnellate di bombe aeree che sono state utilizzate dalla Royal Saudi Air Force per bombardare aree civili, ospedali, strutture sanitarie ed educative . Si tratta di azioni militari che il Segretario generale dell’Onu, Ban Ki moon, ha ripetutamente condannato e che costituiscono una chiara violazione del diritto umanitario. E’ pertanto urgente che anche con questo voto il Parlamento Europeo chieda a tutti i Governi dei Paesi Membri di rispettare le regole che normano le esportazioni di sistemi militari e di porre fine all’invio di armamenti a tutte le forze attivamente impegnate nel conflitto in Yemen. Ringraziamo ovviamente tutti i Parlamentari Europei che hanno votato a favore della Risoluzione e dell'Emendamento sostenuto dalla società civile europea”.

Nelle  scorse  settimane  le  realtà  di  ENAAT avevano  inoltrato  al  Consiglio  degli Affari  Esteri che al Parlamento europeo le seguenti richieste:

 

•       Agli Stati Membri dell'UE di sospendere immediatamente tutti i trasferimenti di armi e qualsiasi supporto militare all'Arabia Saudita e ai suoi alleati nel conf litto in Yemen

 

•       Alla Vice-Presidente della Commissione UE ed Alto Rappresentante per la Politica Estera Federica Mogherini di promuovere nell'ambito del Consiglio degli Affari Esteri l'istituzione di un embargo su armi ed addestramento militare nei confronti dell'Arabia Saudita


•       Agli Stati Membri dell'UE di approntare ed applicare misure che conf igurino una più stringente interpretazione della Posizione Comune UE sui trasferimenti di armi, irrobustendo i controlli nazionali dei Parlamenti riguardo all'implementazione di tale Posizione Comune

 


Per contatti stampa

Rete Italiana per il Disarmo: segreteria@disarmo.org – 328/3399267

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36