La sorte dei bambini rifugiati in Turchia

16 maggio 2016 - Tonio Dell'Olio

Nei giorni scorsi ci aveva fatto inorridire la notizia apparsa sul quotidiano turco Birgun: 30 minorenni, tra gli 8 e i 12 anni, violentati da un pedofilo nel campo profughi di Nizip, a Gaziantep. Le violenze sono state confessate da un ventinovenne addetto alle pulizie e sono proseguite per tre mesi. Bambini che, con le loro famiglie, cercavano un posto sicuro fuori dalla guerra e dalla violenza! Oggi leggo l’altra notizia: moltissimi rifugiati siriani minorenni finiscono in fabbriche turche a lavorare come schiavi. Lavorano 12 ore al giorno e guadagnano 160 dollari al mese. Considerate che dei 2,8 milioni di rifugiati in Turchia più della metà sono minorenni e diventano manodopera a buon mercato per i laboratori che producono scarpe e vestiti per grandi marche che acquistiamo noi. Peraltro ai profughi siriani in Turchia è vietato ottenere un visto di lavoro. Insomma profughi che non riescono ad emergere dalla morsa infernale della violenza. Ma anche sciacalli che lucrano sulla miseria altrui. Indignarsi e denunciare è il minimo che dovremmo fare ma l’Europa ha deciso di eleggere la Turchia al rango di cane da guardia della propria fortezza e su queste situazioni sembra preferire voltare la testa dall’altra parte. 

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36