Storie maledette

21 giugno 2016 - Tonio Dell'Olio

Le storie delle vittime della tratta sono tutte strazianti e tutte si somigliano. Soprattutto quelle che riguardano le ragazze avviate alla prostituzione. Prostituite e non prostitute. Una I in più che fa la differenza e dovrebbe bastare a vincere quell’indifferenza che si insinua silenziosa e colpevole nelle nostre coscienze. Tratte in inganno con l’illusione di un lavoro in Italia o, magari, a Londra, subiscono violenze, ricatti e abusi di ogni genere. Spogliate della dignità. Nei loro racconti c’è sempre un rito Voodoo per costringerle a rispettare il patto di risarcire un debito che non si estingue mai mentre i membri della famiglia di origine sono tenuti in ostaggio dell’organizzazione capillare che presidia Nigeria e Italia. Ma ieri è successo un fatto insolito. Una di queste ragazze, sbarcate a Lampedusa, è riuscita a sfuggire alle maglie della criminalità e a denunciare coloro che già in Libia gli avevano fatto capire che nel nostro Paese non avrebbe fatto la commessa né la tata. Vittima di una vera e propria organizzazione dove, a quanto pare, la donna che teneva le fila del giro era a Reggio Calabria, un suo complice a Napoli ed altri due facevano la spola tra Lampedusa e Agrigento, altri nei luoghi di origine. A questa ragazza avevano imposto la restituzione di trentamila euro! Che la Procura di Palermo indaghi, arresti e provveda a proteggere la malcapitata. Non si tratta solo di giustizia ma di rendere realmente libera una persona.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36